SANITA’, ASSOTUTELA: “ALTA MOBILITA’ PASSIVA IN LAZIO NON E’ BUONA NOTIZIA”

SANITA’, ASSOTUTELA: “ALTA MOBILITA’ PASSIVA IN LAZIO NON E’ BUONA NOTIZIA”

08/09/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 384 volte!

“La san­ità è uno dei com­par­ti più del­i­cati e com­p­lessi del­la macchi­na regionale. Quin­di non pos­si­amo non accogliere con pre­oc­cu­pazione i recen­ti dati sul­la mobil­ità pas­si­va del Lazio: la nos­tra è la regione con la più ele­va­ta per­centuale di pen­dolar­is­mo san­i­tario e tan­ti, trop­pi, pazi­en­ti scel­go­no di curar­si e ricor­rere a strut­ture ospedaliere, sit­u­ate oltre i con­fi­ni laziali. Un con­testo allar­mante che ci auguri­amo l’amministrazione Zin­garet­ti sap­pia atten­uare con politiche san­i­tarie real­mente fic­can­ti e con­crete. Dopo l’uscita dal com­mis­sari­a­men­to, è quan­to mai fon­da­men­tale con­seg­nare alle famiglie un sis­tema san­i­tario di qual­ità e quan­tità”.

Così, in una nota, il pres­i­dente del­la asso­ci­azione Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to