Castel San Pietro Romano: inaugurato il Parco della Memoria finanziato dal Gal Castelli Romani e Monti Prenestini

Castel San Pietro Romano: inaugurato il Parco della Memoria finanziato dal Gal Castelli Romani e Monti Prenestini

31/08/2020 0 Di Fabio Orfei

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 200 volte!

È sta­to inau­gu­ra­to lo scor­so 14 agos­to il par­co comu­nale del Belvedere a San Pietro Romano, finanzi­a­to per un impor­to di 180 mila euro dal GAL Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni. Pre­sen­ti alla cer­i­mo­nia, il pres­i­dente Ste­fano Bertuzzi e il diret­tore tec­ni­co Patrizia Di Fazio.

L’area com­pos­ta da mille metri qua­drati di par­co e set­te­cen­to di verde. Si tro­va a 763 metri sul liv­el­lo mare, nel pun­to panoram­i­co più alto del paese, e ospi­ta i mon­u­men­ti ai cadu­ti di Cas­tel San Pietro Romano, per questo è sta­ta inti­to­la­ta “Par­co del­la Memo­ria”.

Alla cer­i­mo­nia di inau­gu­razione, che si è svol­ta rispet­tan­do tut­ti i pro­to­col­li dovu­ti all’e­mer­gen­za Covid, han­no parte­ci­pa­to il sin­da­co Gian­pao­lo Nar­di, il Pres­i­dente Anci Lazio Ric­car­do Varone, il con­sigliere regionale Rodol­fo Lena, insieme ad altre autorità civili e mil­i­tari.

“È un pos­to magi­co, li c’è il cuore del­la Comu­nità, lo sguar­do più ampio del­la Provin­cia Romana – ha com­men­ta­to il sin­da­co Gian­pao­lo Nar­di, vicepres­i­dente Anci Lazio – Lo abbi­amo con­seg­na­to alla nos­tra bel­la Comu­nità e ai tan­ti tur­isti inter­venu­ti”.

L’intervento finanzi­a­to dal GAL Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni ha una por­ta­ta ter­ri­to­ri­ale e com­pren­so­ri­ale ed è volto a ren­dere più fun­zionale il servizio e miglio­rare l’ac­ces­si­bil­ità ai fruitori e vis­i­ta­tori in quel­lo che è il pun­to panoram­i­co più alto, o meglio, più ampio di Cas­tel San Pietro Romano e dei Mon­ti Pren­es­ti­ni. Rap­p­re­sen­ta, inoltre, il pun­to di con­fluen­za di per­cor­si arche­o­logi­ci-nat­u­ral­is­ti­ci-pae­sag­gis­ti­ci dell’antica Praen­este e dove si erogano i servizi

nel­l’am­bito delle attiv­ità del Museo Dif­fu­so.

Il comune di Cas­tel San Pietro Romano ha ottenu­to il finanzi­a­men­to rispon­den­do al ban­do del GAL rel­a­ti­vo a “inves­ti­men­ti per uso pub­bli­co in infra­strut­ture ricre­ative, infor­mazione tur­is­ti­ca e infra­strut­ture tur­is­tiche su pic­co­la scala”.

“Devo fare i com­pli­men­ti all’am­min­is­trazione comu­nale di Cas­tel San Pietro Romano per la veloc­ità di lavo­razione nonos­tante un peri­o­do così dif­fi­cile, per­ché gra­zie a ques­ta sin­er­gia, il nos­tro Gal può annover­are oggi la prog­et­tazione, il finanzi­a­men­to e la real­iz­zazione intera del prog­et­to – spie­ga il pres­i­dente del GAL Castel­li Romani e Mon­ti Pren­es­ti­ni, Ste­fano Bertuzzi – Fra tutte le attiv­ità finanzi­ate dai Gal in ambito regionale questo è prob­a­bil­mente il pri­mo prog­et­to a regia pub­bli­ca che viene ter­mi­na­to. Siamo orgogliosi si aver con­tribuito a real­iz­zare quest’­opera che ha un forte val­ore sim­bol­i­co anche per noi. Da tem­po ci sti­amo con­frontan­do con le realtà che si occu­pano di tur­is­mo sul ter­ri­to­rio e siamo del­l’idea che sin­ergie come ques­ta, con uno dei borghi più bel­li d’I­talia, ci per­me­t­tono di atti­vare nuove poten­zial­ità. In quest’ot­ti­ca è impor­tante fideliz­zare il rap­por­to con i tur­isti e far capire che ci sono oppor­tu­nità che sono state val­oriz­zate sul nos­tro ter­ri­to­rio”.