ROMA E PROVINCIA, ASSOTUTELA: “ALLARME INCENDI E POCHI POMPIERI”

ROMA E PROVINCIA, ASSOTUTELA: “ALLARME INCENDI E POCHI POMPIERI”

27/07/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 313 volte!

“I recen­ti e dev­as­tan­ti roghi che han­no bru­ci­a­to e can­cel­la­to ettari ed ettari di ter­ri­to­rio capi­toli­no han­no riac­ce­so l’attenzione medi­at­i­ca sull’allarme incen­di, che sis­tem­ati­ca­mente ogni estate si fa minac­ciosa e peri­colosa per l’incolumità dei cit­ta­di­ni: una realtà ambi­en­tale che tira in bal­lo la Cap­i­tale d’Italia ma anche la sua vas­ta area met­ro­pol­i­tana, dove non man­cano aree abban­do­nate o zone nat­u­rali. Per ques­ta ragione, la nos­tra asso­ci­azione Asso­tutela chiede mag­gior atten­zione e mon­i­tor­ag­gio alle isti­tuzioni com­pe­ten­ti, ivi inclusi Gov­er­no nazionale, Comu­ni e la Regione Lazio, che devono asso­lu­ta­mente vig­i­lare al fine di pre­venire ulte­ri­ori roghi. In questo con­testo, per­al­tro, par­ti sociali e cat­e­gorie han­no lan­ci­a­to le loro pre­oc­cu­pazioni sul pre­cario e insuf­fi­ciente numero di vig­ili del fuo­co — veri e pro­pri angeli a pro­tezione dei cit­ta­di­ni – impeg­nati nel mon­i­tor­ag­gio del ter­ri­to­rio e negli inter­ven­ti per speg­nere le fiamme. E quan­to mai nec­es­sario e imme­di­a­to pre­dis­porre ulte­ri­ori pro­ce­dure che vadano a raf­forzare gli organi­ci attuali, la cui caren­za incide in maniera grave  e pen­sante sul soc­cor­so ai cit­ta­di­ni e si scar­i­ca sulle spalle dei pochi pom­pieri”.

Così, in una nota, il pres­i­dente del­la asso­ci­azione Asso­tutela e già can­dida­to sin­da­co al Comune di Roma, Michel Emi Mar­i­ta­to.

Con­di­vi­di: