Cori (LT). Per la difesa del lago di Giulianello

Cori (LT). Per la difesa del lago di Giulianello

21/07/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2815 volte!

Pochissi­mi giorni fa la notizia: l’Autostrada Cis­ter­na – Val­montone potrebbe essere divisa dal prog­et­to Roma – Lati­na e che la costruzione stes­sa dell’opera ver­rà gesti­ta in house da ANAS. Nell’attesa di conoscere i det­tagli del­la pro­pos­ta sul­la nuo­va Cis­ter­na-Val­montone, c’è chi ricor­da agli esten­sori del futuro prog­et­to che è, di fat­to, un delit­to con­tro l’am­bi­ente. Così la pen­sa ad esem­pio il Grup­po dei Dod­i­ci, assidui fre­quen­ta­tori dei più bei pae­sag­gi del Lazio e d’I­talia. Han­no rilas­ci­a­to ques­ta nota:

Gian­car­lo Forte, Pres­i­dente del Grup­po dei Dod­i­ci


“Il Pres­i­dente del Grup­po dei Dod­i­ci, Gian­car­lo Forte[/caption]Da cir­ca dieci anni il Grup­po dei Dod­i­ci pro­pone e pro­muove la Via Fran­ci­ge­na nel Sud. Il lavoro è inizia­to gra­zie alla caparbi­età di Alber­to Alber­ti che con tena­cia ha pri­ma stu­di­a­to gli itin­er­ari sul­la car­ta poi, con l’aiuto di qualche cam­mi­na­tore locale, ha inizia­to le ric­og­nizioni per indi­vid­uare il miglior per­cor­so. Gli stes­si 12 cam­mi­na­tori iniziali dan­no il nome al Grup­po cos­ti­tu­itosi uffi­cial­mente a Vel­letri. Il lavoro di seg­natu­ra e manuten­zione di vie e sen­tieri sta con­tin­uan­do da anni. Il rap­por­to con le isti­tuzioni è con­tin­uo e profi­c­uo sia a liv­el­lo regionale che con i comu­ni. Per quan­to riguar­da la bellez­za del per­cor­so, tra le varie “attrat­tive”, pos­si­amo con­sid­er­are una delle più inci­sive il Mon­u­men­to Nat­u­rale del Lago di Giu­lianel­lo: si trat­ta di un’oasi che include le acque di un pic­co­lo lago e le aree lim­itrofe, tra le province di Roma e di Lati­na. Il mon­u­men­to nat­u­rale è sta­to isti­tu­ito con D.P.R.L. 21 giug­no 2007, n. 425 (B.U.R. del 30 luglio 2007, n. 21). Nel lavoro che sta svol­gen­do l’attuale pres­i­dente Gian­car­lo Forte e tut­to il grup­po diret­ti­vo c’è anche la dife­sa di questo lago, minac­cia­to dal­la costruzione di una autostra­da che stravol­gerebbe tut­ta l’area suc­c­i­ta­ta e la stes­sa Via Fran­ci­ge­na. Ci auguri­amo che gli Enti pre­posti giungano a migliori scelte che guardi­no al miglio­ra­men­to del­la via­bil­ità esistente las­cian­do così intat­to un luo­go bel­lis­si­mo ed uni­co.”.