Marino. Dopo settimane dallo scempio del Parco Lupini è l’ora di un punto fermo. A cominciare dal risarcimento dei cittadini col rifacimento del campo

Marino. Dopo settimane dallo scempio del Parco Lupini è l’ora di un punto fermo. A cominciare dal risarcimento dei cittadini col rifacimento del campo

14/07/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 10365 volte!

Con Mar­co Onofrio, Ste­fano Ender­le e Mau­ro Avel­lo


“Essere Mari­no” col suo por­tav­oce, Mau­ro Avel­lo, ed il PCI di Mari­no col seg­re­tario Ste­fano Ender­le, han­no deciso, sostenu­ti da attivisti, diri­gen­ti locali, oper­a­tori sociali e cul­tur­ali e molti cit­ta­di­ni, di inter­venire sul­la vicen­da del­lo scem­pio del Par­co Lupi­ni. Sono trop­po dis­cor­dan­ti le tesi pro­fuse, uffi­cial­mente, o uffi­ciosa­mente, o negli incon­tri ver­bali, tra quan­to ammin­is­tra­ti­va­mente e politi­ca­mente è sta­to fat­to – but­tan­do all’aria il cam­po poli­va­lente molto, molto uti­liz­za­to da gio­vani e gio­vanis­si­mi – e quan­to viene rac­con­ta­to. Poiché non c’è da credere a sec­on­di fini per la scelta com­pi­u­ta, res­ta solo l’opzione che si sia trat­ta­to di una scelta sbagli­a­ta. Se fos­se così, va det­to, comu­ni­ca­to, non nascos­to con mille altre scuse. Da qui, dalle omis­sioni di com­por­ta­men­ti chiari, nasce la comu­ni­cazione di Essere Mari­no e PCI che dice: “Qual è il pregiudizio che nutrono Sin­da­co, Giun­ta e mag­gio­ran­za M5S con­tro il Par­co Lupi­ni e con­tro i cit­ta­di­ni e la comu­nità che risiede ed uti­liz­za la zona di San­ta Maria Nuo­va?

Il volan­ti­no di Essere Mari­no e PCI in dis­tribuzione tra i cit­ta­di­ni di S. M. delle Mole e Mari­no


DOMANDE PESANTI MOLTO SENTITE DAI CITTADINI: 1 Per­ché al momen­to del­la inti­to­lazione del Par­co Rug­gero Lupi­ni, Sin­da­co, Giun­ta e Mag­gio­ran­za M5S, non han­no volu­to che fos­se inti­to­la­ta al “Par­ti­giano Rug­gero Lupi­ni”? 2 Per­ché quan­do suc­ces­si­va­mente, con la famiglia Lupi­ni, e soprat­tut­to con la pre­sen­za di Nar­ciso Lupi­ni, già ammin­is­tra­tore social­ista a Mari­no, e con tante asso­ci­azioni e cit­ta­di­ni è sta­to pos­to rime­dio appo­nen­do comunque una tar­ga leg­gera inti­to­la­ta al “Par­ti­giano Rug­gero Lupi­ni”, la stes­sa è poi sta­ta rimossa? 3 Per­ché per tutte le vicende che riguardano l’assetto e la ges­tione del Par­co attuale, la fruizione lib­era che ne fan­no i gio­vani, le famiglie e gli anziani, non si è reso noto che si vol­e­va sman­tel­lare una parte di Par­co? 4 Per­ché, oppor­tunis­ti­ca­mente, tan­to per met­tere una foglia di fico davan­ti alla ver­gogna, si è ritenu­to suf­fi­ciente par­lare solo con ambi­en­ti sco­las­ti­ci, infis­chi­an­dosene del­la comu­nità intorno? 5 Per­ché ora che ques­ta ver­gog­nosa azione dis­trut­ti­va (dell’area sporti­va lib­era) è sta­ta com­pi­u­ta si insiste col dire che non è un errore ma un modo (lo stop) per risparmi­are denaro pub­bli­co? 6 Per­ché non viene quan­tifi­ca­to il dan­no del­la dis­truzione in denaro; spie­ga­to come si rien­tra del­la spe­sa; in capo a chi è la respon­s­abil­ità dell’accaduto (Sin­da­co, Giun­ta, Fun­zionari)? 7 Per­ché non viene esplic­i­ta­to chi, in quali tem­pi provved­erà al ripristi­no di ciò che è sta­to tolto ai cit­ta­di­ni? – Avel­lo ed Ender­le, chiedono infine che ci sia una assun­zione di respon­s­abil­ità — 8 Per­ché non ven­gono pre­sen­tate autono­ma­mente, o richi­este dal sin­da­co o dal­la mag­gio­ran­za stes­sa, le dimis­sioni di chi politi­ca­mente è respon­s­abile di tut­ta ques­ta cat­ti­va ammin­is­trazione? Nes­suna impunità, qual­cuno deve assumer­si le pro­prie respon­s­abil­ità di fronte a questo scem­pio e di fronte ai cit­ta­di­ni!”.