Marino/Cava dei Selci. Buon inizio. Sicurezza, porte aperte a cultura e divertimento. Spalancate alla solidarietà. Nel segno delle donne.

Marino/Cava dei Selci. Buon inizio. Sicurezza, porte aperte a cultura e divertimento. Spalancate alla solidarietà. Nel segno delle donne.

10/07/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2808 volte!

Mau­ro Avel­lo, seg­re­tario del cir­co­lo Italia Cuba “Gino Donè” apre uffi­cial­mente la man­i­fes­tazione Bue­na Vista cin­e­ma e cul­tura 2020 a Cava dei Sel­ci, Mari­no


“Aronne Piper­no, tu sei un bra­vo arti­giano. Come eban­ista lavori bene. Ma io nun te pago. – dice Onofrio Del Gril­lo al suo inter­locu­tore -. Per­ché mai? – doman­da l’anziano giu­dio -. E il March­ese Del Gril­lo: per­ché la pro­ce­du­ra la vuoi sapere? E’ ques­ta: tu lavori, ma io non ti pago, ecco­la la pro­ce­du­ra”. Questo fram­men­to del dial­o­go tra il March­ese Onofrio, ego­ista, bur­lone, alla fine buono per­ché ris­ar­cisce l’artigiano pri­ma sbef­feg­gia­to, dis­sacrante per­ché non risparmia chiesa, preti e famiglia, pur dipen­den­do da quel sis­tema, è la rap­p­re­sen­tazione del­la comic­ità di spes­sore di Alber­to Sor­di guida­to magis­tral­mente da Mario Mon­i­cel­li. Ecco per­ché il film – scel­to da ¡Bue­na Vista! Cin­e­ma e Cul­tura per inau­gu­rare l’evento spalma­to dal 9 al 26 luglio alla Cavea “Alber­to Sor­di” – è ritenu­to a ragione uno dei pilas­tri del cin­e­ma del grande reg­ista, del grande attore e del­la stes­sa comic­ità romanesca. Quin­di, non appe­na ci si è appresta­ti ad aprire uffi­cial­mente le ser­ate, ha fat­to un cer­to effet­to sor­pre­sa la vista di decine di cit­ta­di­ni che han­no dis­ci­plinata­mente pre­so pos­to col dis­tanzi­a­men­to di sicurez­za, mis­chiar­si con moltissi­mi attivisti cul­tur­ali, sociali e politi­ci che fan­no rifer­i­men­to alla fuci­na di Bib­lioPop; con molti elet­ti in con­siglio comu­nale del­la mag­gio­ran­za; ma nes­suno oppos­i­tore elet­to né del­la destra né del cen­trosin­is­tra. La comic­ità romana e la qual­ità del­la ser­a­ta forse avrebbe mer­i­ta­to qualche atten­zione mag­giore. Tut­tavia, Mau­ro Avel­lo, seg­re­tario del Cir­co­lo Italia Cuba “Gino Donè” di Mari­no, ha volu­to mar­care decisa­mente la qual­ità cul­tur­ale, sociale ed eti­co-morale dell’evento ¡Bue­na Vista! Cin­e­ma e Cul­tura: “Gior­gia Gal­li, Francesca Gam­bone, Cristi­na Gastal­di, sono le tre donne che han­no con­sen­ti­to, in poco tem­po, di real­iz­zare questo impeg­no corale che diven­terà un pic­co­lo sog­no real­iz­za­to nel momen­to in cui rius­cire­mo gra­zie a tut­ti voi, stasera e nelle ser­ate seguen­ti, vor­rete sostenere la rac­col­ta fon­di per l’ospedale onco­logi­co Pedi­atri­co Octavio de la Con­cep­cion y de la Pedra­ja di Hol­guin a Cuba.

Ingres­so del Par­co del­la Pace a Cava dei Sel­ci imbandier­a­to con ves­sil­li tri­col­ore e di Cuba


Il Boqueo, l’infame atto uni­lat­erale che gli USA com­met­tono con l’embargo con­tro la Repub­bli­ca di Cuba per meri inter­es­si eco­nomi­ci e geopoliti­ci, costringe il wel­fare a enor­mi sof­feren­ze che van­no dal cam­po del­la scuo­la a quel­lo del­la san­ità. Noi – rimar­ca Avel­lo – gra­zie al nos­tro impeg­no, alla Asso­ci­azione Nazionale che intesse rap­por­ti profi­cui con le autorità cubane; gra­zie al sosteg­no di mil­ioni di cit­ta­di­ni in Italia e nel mon­do; e qui, gra­zie alla sen­si­bil­ità fat­ti­va del­la Ammin­is­trazione comu­nale, con­tin­uer­e­mo nel nos­tro sosteg­no a Cuba. Una nazione, un popo­lo che – come ha mostra­to in pochi sec­on­di di trail­er che han­no antic­i­pa­to la proiezione del film – quan­do pochi mesi fa il nos­tro Paese, come altri, ha avu­to bisog­no di una mano, abbi­amo vis­to giun­gere due Brigate medico/infermieristiche che si sono tuffate nell’azione di aiu­to san­i­tario a ris­chio stes­so del­la pro­pria salute e del­la pro­pria vita. E’ una gen­erosità che umana­mente, moral­mente, eti­ca­mente, e per con­vin­ta scelta sociale e polit­i­ca vogliamo com­piere quel­la di ricam­biare la sol­i­da­ri­età rice­vu­ta.”. Del­lo stes­so tono, del­lo stes­so spes­sore il salu­to, con ringrazi­a­men­to per la dedi­zione, con riconosci­men­to per le attiv­ità, la pre­sen­za e la qual­ità che in questi anni di attiv­ità svolge il cir­co­lo di Italia Cuba, e con invi­to a sostenere la rac­col­ta fon­di per l’ospedale onco­logi­co e con­tro il Blo­queo degli Sta­ti Uni­ti, gli inter­ven­ti del sin­da­co Car­lo Col­iz­za, del vicesin­da­co Pao­la Tiberi e del pres­i­dente del con­siglio comu­nale Gabriele Nar­cisi.

Tavo­lo con lib­ri di Alber­to Sor­di, offer­ti da Edi­lazio gra­zie ad inter­ven­to del­lo scrit­tore Mar­co Onofrio che sostiene rac­col­ta fon­di per ospedale pedi­atri­co cubano


Come det­to in aper­tu­ra dal­la pres­i­dente del­la Pro­lo­co Boville “La scelta di con­di­videre imme­di­ata­mente la pro­pos­ta del cir­co­lo Italia Cuba, pog­gia sen­za dub­bio sul­la qual­ità del prog­et­to e la final­ità sol­i­dale dell’evento. Sul­la pos­si­bil­ità di atti­vare una for­mu­la che dà ai cit­ta­di­ni cul­tura e sano diver­ti­men­to. Cer­to, a causa delle mis­ure di sicurez­za, fa un cer­to effet­to vedere la Cavea con decine e decine di cittadini/spettatori dis­tanziati che li fa sem­brare pochi sapen­do che qui un migli­aio di posti a sedere ci sono. Ma può essere la spin­ta a pro­gram­mare altre edi­zioni ed altri even­ti qui nelle prossime sta­gioni, 2021,2022, e così via”. Intan­to, nel viale d’ingresso del Par­co del­la Pace, ogni giorno, fa fede il pro­gram­ma, si può accedere lib­era­mente e recar­si, sem­pre in sicurez­za, pres­so gli stands enogas­tro­nomi­ci, pres­so quel­li carat­ter­is­ti­ci di Cuba, pres­so il tavo­lo del Cir­co­lo Italia Cuba, anche per iscriver­si oltre che per sostenere la causa sol­i­dale del prog­et­to. Così come ha orga­niz­za­to Acab/BiblioPop, dove oltre i soli­ti lib­ri donati dietro pic­co­lo con­trib­u­to volon­tario, “c’è un tavo­lo speci­fi­co. – spie­ga il Pres­i­dente Ser­gio San­ti­nel­li — Questo nel Cen­te­nario del­la nasci­ta di Alber­to Sor­di, gra­zie alla casa editrice Edi­lazio, sen­si­bi­liz­za­ta e sol­lecita­ta dal­lo scrit­tore Mar­co Onofrio, è sta­ta felice di aderire alla fes­ta ¡Bue­na Vista! Cin­e­ma e Cul­tura offren­do 20 copie del libro “Alber­to Sor­di. Ricor­di e tes­ti­mo­ni­anze” il cui rica­va­to sarà total­mente devo­lu­to in benef­i­cen­za all’ospedale pedi­atri­co cubano.”. Ora non res­ta che scegliere, sec­on­do il pro­gram­ma le varie attiv­ità, come quel­la teatrale di stasera (10 luglio) “Il povero Piero” a cura di Artemista. Tutte le attiv­ità saran­no orga­niz­zate in un ven­taglio di pro­poste: proiezioni ded­i­cate al cen­te­nario di Alber­to Sor­di ma anche proiezioni di film cult e per bam­bi­ni, il tut­to ani­ma­to da ser­ate dal vivo, con per­for­mance di artisti locali e non, sia di musi­ca che di teatro.