LAZIO, ASSOTUTELA: “DISABILI NON SIANO ESERCITO INVISIBILI”

LAZIO, ASSOTUTELA: “DISABILI NON SIANO ESERCITO INVISIBILI”

08/07/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1166 volte!

Tra le cat­e­gorie sociali che han­no mag­gior­mente risen­ti­to delle con­seguen­ze dev­as­tan­ti del­la emer­gen­za Coro­n­avirus figu­ra sen­za dub­bio quel­la del­la dis­abil­ità. Come rac­con­ta medi­ati­ca­mente la Con­sul­ta cit­tad­i­na per­ma­nente di Roma per le per­sone con dis­abili­ta’, infat­ti, in queste ultime set­ti­mane di pan­demia sono numerose le famiglie del Lazio che han­no riti­ra­to i figli dai cen­tri res­i­den­ziali. Una situ­azione dif­fi­cile che ha fat­to il paio con alcu­ni man­cati inter­ven­ti isti­tuzion­ali a sosteg­no delle fasce più deboli e più frag­ili. Come asso­ci­azione che tutela i con­suma­tori, dunque, ci auguri­amo che da parte di Regione Lazio e Comune di Roma ci sia una decisa inver­sione di ten­den­za per­ché i sogget­ti con dis­abil­ità rap­p­re­sen­tano uno dei capisal­di del­la nos­tra comu­nità e non devono essere parte di quell’esercito di invis­i­bili, trop­po spes­so dimen­ti­cati”.
Cosi, in una nota, il pres­i­dente di Asso­tutela e già can­dida­to sin­da­co di Roma, Michel Emi Mar­i­ta­to.

Con­di­vi­di: