MARINO, CAMBIAMO: “INOPPORTUNO COSTRUIRE PALESTRA NEL PARCO LUPINI”

MARINO, CAMBIAMO: “INOPPORTUNO COSTRUIRE PALESTRA NEL PARCO LUPINI”

01/07/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1377 volte!

“Cam­bi­amo” Mari­no rep­u­ta asso­lu­ta­mente illog­i­ca e inop­por­tu­na la scelta del Comune di Mari­no, a trazione gril­li­na, di costru­ire una palestra nel Par­co Lupi­ni, stori­co spazio ricre­ati­vo e sociale per tut­ta la comu­nità di San­ta Maria delle Mole. Nes­suno è con­trario all’utilità di una strut­tura comu­nale ded­i­ca­ta alla attiv­ità didat­ti­ca e sporti­va, anzi, ma con­sid­e­ri­amo una fol­lia che essa ven­ga edi­fi­ca­ta, in maniera impat­tante sull’ambiente cir­costante, sul­la perime­trazione del cam­po da pal­la­cane­stro, sit­u­a­to nel par­co stes­so, sot­traen­do così centi­na­ia e centi­na­ia di metri quadri, oggi all’aperto e des­ti­nati a tante famiglie e ragazzi del­la nos­tra col­let­tiv­ità. Il Comune di Mari­no avrebbe potu­to e dovu­to cer­ta­mente vagliare altre loca­tion, invece ha deciso di insis­tere su un prog­et­to che sta pre­oc­cu­pan­do tante per­sone e cre­an­do un maras­ma di critiche. Davvero una grande con­trad­dizione. Con­sigliamo, dunque, all’inefficiente asses­sore Tam­maro, anziché criti­care dem­a­gogi­ca­mente le prece­den­ti ammin­is­trazioni comu­nali di cen­trode­stra, di con­cen­trar­si piut­tosto sul pro­prio fal­li­menta­re oper­a­to e, nel­lo speci­fi­co, di ripen­sare la col­lo­cazione del­la palestra, come chiesto a gran voce da numerosi cit­ta­di­ni. Nel frat­tem­po, sarà cura di “Cam­bi­amo” fare una richi­es­ta di acces­so al Comune di Mari­no al fine di conoscere la pro­ce­du­ra di natu­ra urban­is­ti­ca che ha per­me­s­so di pot­er approvare il prog­et­to di edi­fi­cazione del­la palestra e se tutte le pro­ce­dure esperite rispet­ti­no la nor­ma­ti­va vigente in mate­ria di opere pub­bliche e urban­is­tiche”.
Così, in una nota, il con­sigliere regionale del Lazio ed ex sin­da­co di Mari­no, Adri­ano Palozzi, e il comi­ta­to di Cam­bi­amo Mari­no.
Con­di­vi­di: