Roma. Contro la repressione e il razzismo in USA, martedì 30 in piazza. Continua l’itinerario di lotta

Roma. Contro la repressione e il razzismo in USA, martedì 30 in piazza. Continua l’itinerario di lotta

28/06/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1658 volte!


Il “Coor­di­na­men­to del­la Sin­is­tra d’Op­po­sizione”, dai giorni scor­si e a seguire nel­la prossi­ma set­ti­mana ha orga­niz­za­to ed orga­nizzerà in diverse cit­tà gior­nate di mobil­i­tazione nazionale con­tro la repres­sione e il razz­is­mo negli USA. Il PCI è tra i pri­mi pro­mo­tori. A Roma l’ap­pun­ta­men­to sarà mart­edì 30 giug­no ore 17.30 in piaz­za Bar­beri­ni. La Fed­er­azione e i comu­nisti di Roma chiedono la mas­si­ma parte­ci­pazione con le bandiere rosse. Nat­u­ral­mente saran­no rispet­tate le dis­po­sizioni anti-Covid. La chia­ma­ta in piaz­za ha la base stori­co-polit­i­ca dell’analisi di quan­to accade negli USA da tem­po. Infat­ti negli ulti­mi decen­ni ci sono state centi­na­ia di casi con riso­nan­za medi­at­i­ca piut­tosto alta di vit­time afro-amer­i­cane uccise in cir­costanze sospette o chiara­mente ille­gali e/o ecces­sive da agen­ti del­la polizia. Quin­di il caso Floyd è purtrop­po solo l’ultimo di una lun­ga serie, solo l’uccisione è sta­ta com­pi­u­ta in modo più effer­a­to, e doc­u­men­ta­ta in modo da las­ciar poco spazio a qual­si­asi dub­bio, legit­ti­mo o mon­ta­to. Ciò che i media invece dis­tor­cono è la realtà del­la vio­len­za eserci­ta­ta dai dipar­ti­men­ti di polizia anche con­tro altri grup­pi etni­ci e razz­iali, così come con­tro dis­si­den­ti a liv­el­lo politi­co. In lin­ea con un pas­sato inin­ter­rot­to di geno­cidio ed oppres­sione inin­ter­rot­ta, in realtà è la comu­nità Native Amer­i­can ad essere di gran lun­ga la più col­pi­ta dal­la vio­len­za poliziesca impe­ri­ale, ed anche la vio­len­za con­tro i vari grup­pi Asian Amer­i­can è molto sot­torap­p­re­sen­ta­ta dai media oli­garchi­ci, che preferiscono per­pet­u­are una nar­razione manichea, ultra-sem­pli­fi­ca­ta, a suo modo razz­ista pro­prio nel­la bru­tal­ità e sem­pli­fi­cazione del suo ‘bian­co e nero’ (anche i col­ori spes­so usati dai veicoli del­la polizia), e che, soprat­tut­to, omette la mag­gio­ran­za delle com­po­nen­ti di classe e storiche. Il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, riv­olge un pres­sante appel­lo ad essere pre­sen­ti a Roma e nei prossi­mi appun­ta­men­ti nel Paese.