Frosinone. Lettera di Moslehi Maichel, neoiscritto al PCI

Frosinone. Lettera di Moslehi Maichel, neoiscritto al PCI

22/06/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1863 volte!

Mosle­hi Maichel


Nei giorni scor­si, un gio­vane lau­re­ato in scien­ze politiche, il com­pag­no Mosle­hi Maichel, ha richiesto ed ottenu­to di iscriver­si, a Frosi­none, al Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, riceven­do così la tessera del 2020. Poi ha con­seg­na­to uno scrit­to dove ha moti­va­to la sua scelta. I com­pag­ni Bruno Bar­bona, seg­re­tario del­la Fed­er­azione, Oreste del­la Pos­ta, seg­re­tario regionale, e Ugo Moro del­la seg­rete­ria nazionale, si sono com­pli­men­tati ed han­no reso nota la let­tera che pub­blichi­amo inte­gral­mente. Scrive il com­pag­no Mossle­hi: “PERCHÉ HO SCELTO IL PCI…. In un’epoca di estrema fram­men­tazione polit­i­ca e di ‘’lon­tanan­za’’ dal cit­tadi­no dal­la polit­i­ca, nel sen­so più nobile del ter­mine rifacen­dosi ai gran­di clas­si­ci del pen­siero filosofi­co gre­co, ho sen­ti­to il dovere, il richi­amo, di con­di­videre i miei ide­ali che spaziano dal­la lot­ta con­tin­ua al cap­i­tal­is­mo mod­er­no, di estrema oppo­sizione al sion­is­mo e all’imperialismo “made in USA” con il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, realtà che si con­trad­dis­tingue nel panora­ma del­la sin­is­tra ital­iana per il fat­to di essere rimas­ta fedele nel­la sua impostazione polit­i­ca e di non aver tra­di­to o peg­gio anco­ra igno­ra­to gli inseg­na­men­ti di Marx ed Engels, di Gram­sci e Lenin. – quin­di il gio­vane lau­re­ato in scien­ze politiche si chiede — Quan­to è impor­tante oggi tornare ed entrare in “sim­biosi” con gli ulti­mi del­la soci­età? Cre­do fon­da­men­tale. Il mio cre­do politi­co è basato su pochi ma fon­da­men­tali dog­mi pri­ma enun­ciati, il PCI “deve” tornare ad occu­pare quegli spazi che una destra insul­sa, vota­ta all’estremo atlantismo, ha scal­tra­mente occu­pa­to, le per­iferie, i quartieri ghet­to dove il dis­a­gio sociale e la con­flit­tual­ità inter­raziale ha pre­so il sopravven­to, il mio mot­to ‚con­di­vi­so da molti com­pag­ni, nel­la “prax­is polit­i­ca” è : “meglio la stra­da con gli ulti­mi che lot­tano per i pro­pri dirit­ti che i salot­ti con gli spec­u­la­tori finanziari”. – ed anco­ra si inter­ro­ga Mosle­hi Maichel — La mia visione geopo­lit­i­ca attuale? Come prece­den­te­mente affer­ma­to, per me la lot­ta con­tin­ua e ser­ra­ta al sion­is­mo israeliano che osti­nata­mente con­tin­ua con il prog­et­to del­la “grande Israele” rimane una pri­or­ità asso­lu­ta, è dovere morale di ogni uomo libero ed indipen­dente sostenere sem­pre il sacro ter­ri­to­rio Palesti­nese, la repub­bli­ca ara­ba siri­ana, l’Iran che rap­p­re­sen­ta l’ultimo vero e fiero balu­ar­do indipen­dente nel medio ori­ente; segue dopo ma non per ordine d’importanza, l’attenzione e il con­trasto all’imperialismo amer­i­cano-tur­co-sau­di­ta che tan­ti mali e cat­a­strofi stan­no recan­do a nazioni libere ed indipen­den­ti, ne cito alcune: lo Yemen, il Venezuela, l’Iraq con il roves­ci­a­men­to ille­git­ti­mo per puri inter­es­si eco­nomi­ci e geopoliti­ci del regime di Sad­dam Hus­sein al pari del colon­nel­lo Gheddafi. – pone atten­zione il gio­vane com­pag­no anche al nos­tro Paese — l’Italia?… l’Italia deve uscire dall’Ue e dal­la Nato, è un proces­so lun­go ed imper­vio e sicu­ra­mente l’attuale classe polit­i­ca non è adat­ta a far­lo se non tramite “slo­gan da bar”, serve in prim­is una riv­o­luzione cul­tur­ale, una “dis­in­tossi­ca­ta” dall’americanizzazione del­la nos­tra soci­età post 1989 che oggi vede il net­to pre­do­minio di usi e cos­tu­mi lon­tani dalle nos­tre fiere orig­i­ni glo­riose, con la Gre­cia siamo sta­ti ed è gius­to ricor­dar­lo “la cul­la del pen­siero occi­den­tale”; la bravu­ra geopo­lit­i­ca nel sapere stip­u­lare accor­di bilat­er­ali, van­tag­giosi per entram­bi ovvi­a­mente, con sta­ti extraUe là dove in ter­mi­ni eco­nomi­ci par­liamo di cifre impor­tan­ti: Cina, India… — e così con­clude — A gran­di linee e con molto altro da rac­con­tare, ho rias­sun­to il mio cre­do politi­co e il filo con­dut­tore che mi lega al PCI e alle sue battaglie storiche, spero di incon­trarvi tut­ti e con­frontar­mi con voi, cari com­pag­ni e care com­pagne. Mosle­hi Maichel giug­no 2020

tessera 2929 del Par­ti­to Comu­nista Ital­iano

Con­di­vi­di: