Roma. Sabato a Roma: una giornata di ordinaria violenza (nera).

Roma. Sabato a Roma: una giornata di ordinaria violenza (nera).

07/06/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1650 volte!

Col seg­re­tario nazionale del PCI, Mau­ro Albore­si a sin­is­tra, Oreste del­la Pos­ta e Cristi­na Cir­il­lo


“Appe­na usci­ti dal­la fer­ma­ta Metro B di Cir­co Mas­si­mo si per­cepisce la situ­azione: in giro si vedono fac­ce pat­i­bo­lari, men­tre l’al­topar­lante trasmette una voce rau­ca che vom­i­ta slo­gan da ven­ten­nio fascista. – così rac­con­tano alcu­ni com­pag­ni del­la Fed­er­azione PCI di Roma — E’ questo il bigli­et­to da visi­ta del­la man­i­fes­tazione del­la ultra destra che si è data appun­ta­men­to a Roma. Poi tut­to il copi­one del­la icono­grafia fascista: brac­cia tese nel salu­to romano, can­ti e frasi in onore del Duce, e altre porcherie del reper­to­rio stan­tio dei neri. Cel­e­bra­ta la litur­gia, si pas­sa al momen­to del­la dialet­ti­ca: insul­ti, minac­ce, lan­cio di ogget­ti e un ten­ta­ti­vo di aggres­sione ai gior­nal­isti pre­sen­ti, con l’in­ter­ven­to delle forze del­l’or­dine. Poi il momen­to del­la social­iz­zazione: spin­toni, cal­ci e ris­sa “tut­ti con­tro tut­ti” tra i vari grup­pi parte­ci­pan­ti alla macabra para­ta. Bilan­cio: due arresti, 14 fer­mi e molti dan­ni. Questo è il saba­to che la destra estrema ha ded­i­ca­to alla cap­i­tale d’I­talia: Roma cit­tà medaglia d’oro alla Resisten­za teatro del­la fas­tidiosa gaz­zarra dei fascisti del ter­zo mil­len­nio (anche peg­giori di quel­li del sec­on­do mil­len­nio). – quin­di i diri­gen­ti del PCI romano con­cludono — La Cit­tà Eter­na ne avrebbe fat­to a meno molto volen­tieri. Ora ci chiedi­amo per­chè tut­to questo? Per­chè la Ques­tu­ra e la Prefet­tura di Roma non han­no ascolta­to i fon­dati avver­ti­men­ti delle orga­niz­zazioni demo­c­ra­tiche e antifas­ciste? Res­ta a tutte le realtà del coor­di­na­men­to cit­tadi­no antifascista, con l’AN­PI in tes­ta, il doveroso com­pi­to di una vig­i­lan­za demo­c­ra­t­i­ca e popo­lare. I comu­nisti ci sono.”.
Con­di­vi­di: