DECRETO RILANCIO, TISO(LABOR): “PROVVEDIMENTO CORPOSO MA POCO CONCRETO”

DECRETO RILANCIO, TISO(LABOR): “PROVVEDIMENTO CORPOSO MA POCO CONCRETO”

29/05/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1178 volte!

“Ormai da qualche giorno il tan­to atte­so Decre­to Rilan­cio del gov­er­no Con­te è final­mente realtà dopo la sua pub­bli­cazione in Gazzetta Uffi­ciale. A nos­tro giudizio, si trat­ta di un doc­u­men­to ric­co di inter­ven­ti, che sul­la car­ta mira­no ad aiutare e sostenere una grossa platea di cit­ta­di­ni e imp­rese, ma nel­la prat­i­ca purtrop­po così non è”. Questo il com­men­to di Carmela Tiso, pres­i­dente del patrona­to Labor, con una rete di centi­na­ia di sedi in tut­ta Italia, pro­mosso e sostenu­to dal­la Con­feu­ro, la Con­fed­er­azione degli agri­coltori europei e del mon­do. Tiso, quin­di, sot­to­lin­ea: “Sono infat­ti pre­visti sem­pli­ci inter­ven­ti spot, di dura­ta tem­po­rale piut­tosto lim­i­ta­ta e nel decre­to ven­gono dimen­ti­cate anche alcune cat­e­gorie di lavo­ra­tori, indig­nati per­ché rimasti fuori dal­la oper­a­tiv­ità del decre­to. Insom­ma tan­ta buona volon­tà ma poca con­cretez­za. Sen­za con­sid­er­are l’entità degli impor­ti eco­nomi­ci in molti casi bassi e asso­lu­ta­mente insuf­fi­ci­en­ti alla nec­es­saria ripresa eco­nom­i­co- finanziaria. Insom­ma il decre­to Rilan­cio rap­p­re­sen­ta un calderone, che per­al­tro non ha facil­i­ta­to il ruo­lo dei patronati, che nonos­tante tut­to con­tin­u­ano ad avere un ruo­lo cen­trale per aiutare le famiglie ad accedere ai fon­di gov­er­na­tivi. In tal sen­so, i req­ui­si­ti eco­nomi­ci per il sud­det­to acces­so non sono affat­to di facile com­pren­sione per il cit­tadi­no e richiedono spesse volte un appro­fondi­men­to che solo i pro­fes­sion­isti del set­tore pos­sono fornire al fine di dare pun­tuale e conc­re­ta assis­ten­za. Scen­den­do nel­lo speci­fi­co, le nos­tre sedi Labor stan­no operan­do mag­gior­mente sul cosid­det­to Rem, il red­di­to di emer­gen­za, e sulle inden­nità rel­a­tive alle diverse tipolo­gie di lavo­ra­tori. Altro set­tore che Labor sta seguen­do con atten­zione è, poi, quel­lo rel­a­ti­vo alle inden­nità per i lavo­ra­tori domes­ti­ci, come colf e badan­ti. Insom­ma la mate­ria leg­isla­ti­va è com­p­lessa e varia, ma il nos­tro patrona­to con la sua assis­ten­za gra­tui­ta sta svol­gen­do un ruo­lo cen­trale a tutela dei dirit­ti del cit­tadi­no”, con­clude Carmela Tiso. 

 

Con­di­vi­di: