ROMA/ PRESENTATO “SAN CAMILLO RISPONDE” — 06 58703019

ROMA/ PRESENTATO “SAN CAMILLO RISPONDE” — 06 58703019

27/05/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1149 volte!

Pres­so il Padiglione Busi dell’Azienda Ospedaliera “San Camil­lo-For­lani­ni” di Roma, si è svol­ta mer­coledì 27 mag­gio la con­feren­za di pre­sen­tazione del prog­et­to “San Camil­lo risponde”, ideato dall’Azienda ospedaliera “San Camil­lo-For­lani­ni”, anche con il con­trib­u­to de “Il Tuli­pano Bian­co Aps”. All’iniziativa han­no pre­so parte Fab­rizio d’Al­ba, Diret­tore gen­erale dell’Azienda San Camil­lo-For­lani­ni, Francesco Gior­dani, Pres­i­dente dell’associazione di pro­mozione sociale “Il Tuli­pano Bian­co”, Pier­lui­gi Bar­to­let­ti del­la Fim­mg, e Rober­to Bon­fili dell’Ordine dei Medici di Roma. 

Un servizio per la pre­sa in cari­co durante la fase post emer­gen­za Covid di nuovi pazi­en­ti con patolo­gie poten­zial­mente “a ris­chio”, in cui par­al­le­la­mente alla pro­gres­si­va riat­ti­vazione delle attiv­ità pro­gram­mate, è nec­es­sario creare le con­dizioni per entrare in con­tat­to con gli spe­cial­isti e, al bisog­no essere vis­i­tati. E’ questo l’ambito in cui l’Azienda San Camil­lo — For­lani­ni ha deciso di avviare il servizio tele­fon­i­co “San Camil­lo Risponde” — 06 58703019 per creare un con­tat­to diret­to tra gli spe­cial­isti e tut­ti quei pazi­en­ti per i quali un ritar­do diag­nos­ti­co può innescare o aggravare una patolo­gia che neces­si­ta la pre­sa in cari­co rap­i­da. Un servizio di con­sulen­za tele­fon­i­co atti­vo per pazi­en­ti — e per i loro medici curan­ti — che non rien­tra­no nelle cat­e­gorie U e B ma che han­no neces­sità di con­tat­to con uno spe­cial­ista. Un servizio che prevede sportel­li tele­foni­ci spe­cial­is­ti­ci aper­ti due ore al giorno sec­on­do il cal­en­dario reso disponi­bile dalle Unità oper­a­tive. Per facil­itare l’accesso al servizio dal 12 mag­gio è atti­vo dal lunedì al ven­erdì con orario dalle 8 alle 17.00 il numero 06 58703019. Un servizio di carat­tere gen­erale per ori­entare l’utenza sulle modal­ità d’accesso al “San Camil­lo Risponde”, dove un oper­a­tore inter­no fornirà con­tat­ti tele­foni­ci, ind­i­rizzi mail ed orari delle dif­fer­en­ti Unità Oper­a­tive i cui rifer­i­men­ti saran­no reperi­bili nell’apposita sezione del sito azien­dale www.scamilloforlanini.rm.it. “Per questo prog­et­to, mai real­iz­za­to pri­ma al San Camil­lo — ha spie­ga­to il Dg d’Alba — abbi­amo potu­to con­tare sul sosteg­no de Il Tuli­pano Bian­co. Un’associazione di pro­mozione sociale che ha scel­to cor­ag­giosa­mente di con­di­videre la “mis­sion” dell’Ospedale ed inve­stire una parte dei con­tribu­ti volon­tari dei cit­ta­di­ni ver­sa­ti attra­ver­so il 5 per mille a sosteg­no del­la cam­pagna di comu­ni­cazione e dif­fu­sione di questo servizio. Una col­lab­o­razione preziosa che con­fer­ma la valid­ità del rap­por­to pubblico/privato quan­do ques­ta sin­er­gia va nel­la direzione di dare risposte con­crete ai bisog­ni dei cit­ta­di­ni”. Men­tre il pres­i­dente Gior­dani ha com­men­ta­to: “Il San Camil­lo Risponde” è un servizio utile, che pun­ta a riportare all’ospedale romano tan­ti cit­ta­di­ni dopo l’emergenza Covid 19. Ci ten­go a ringraziare tut­ti i pre­sen­ti e, in par­ti­co­lare, Fab­rizio d’Alba, per aver per­me­s­so ques­ta sin­er­gia e ques­ta col­lab­o­razione, pro­ce­du­ta in tem­pi rapi­di e con­creti al fine di con­seg­nare alla comu­nità un servizio effi­ciente e che con­sen­tirà agli uten­ti di credere anco­ra di più in una san­ità sicu­ra, effi­cace e che tutela real­mente il dirit­to alla salute”.

Con­di­vi­di: