Marino/Roma. Per la ricorrenza dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. L’impegno del PCI di Marino e del Lazio

Marino/Roma. Per la ricorrenza dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. L’impegno del PCI di Marino e del Lazio

19/03/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2315 volte!


Tra pochi giorni ci sarà una data impor­tante per il nos­tro Paese che, stante l’emergenza san­i­taria, sarà dis­at­te­sa. La ricor­ren­za dell’eccidio delle Fos­se Ardea­tine. “Abbi­amo con­tat­ta­to il com­pag­no Aladi­no Lom­bar­di, Pres­i­dente dell’ANFIM, l’associazione dei famil­iari dei Mar­tiri delle Fos­se Ardea­tine, che ci ha con­fer­ma­to che a segui­to dell’emergenza san­i­taria per il COVID 19, le cel­e­brazioni del­la ricor­ren­za non potran­no essere svolte, in alcu­na for­ma, il 24 mar­zo. Suc­ces­si­va­mente, ci ha spie­ga­to Lom­bar­di, sia le inizia­tive isti­tuzion­ali col Pres­i­dente del­la Repub­bli­ca, che delle altre isti­tuzioni, e quin­di dell’ANPI e degli antifascisti e demo­c­ra­ti­ci saran­no svolte in modo dif­fer­i­to alla data con­sue­ta e comu­ni­cate­ci per tem­po.”.
Così si esprime Ste­fano Ender­le, comu­ni­can­do la notizia al Seg­re­tario regionale del PCI Oreste del­la Pos­ta e a tut­ti i com­pag­ni e antifascisti che usual­mente, negli anni scor­si han­no uti­liz­za­to la com­mem­o­razione alle Fos­se Ardea­tine per con­fer­mare l’impegno per gli ide­ali di lib­ertà e di fedeltà ai val­ori del­la Cos­ti­tuzione repub­bli­cana nata dal­la Resisten­za. “Per noi comu­nisti, e non solo — con­fer­ma Oreste del­la Pos­ta -, la data del 24 mar­zo ogni anno è sta­ta rispet­ta­ta come un unicum per le varie man­i­fes­tazioni che, inter­ve­nen­do con tut­ta la soci­età, nelle scuole in par­ti­co­lare, ci ha sem­pre uni­to al 25 aprile.

Scali­na­ta Munici­pio Ciampino. Oreste del­la Pos­ta, PCI Lazio, e Ste­fano Ender­le PCI Marino/Ciampino, tes­ti­mo­ni­ano ade­sione a Pre­sidio a Gugliel­mo Abbon­dati, Rete Antifascista Ciampino


Non sap­pi­amo – con­clude il seg­re­tario PCI del Lazio – se, e con quali modal­ità, potremo fes­teggia­re il 25 aprile di quest’anno, ma in tut­ta la regione fare­mo in modo di con­fer­mare che uno dei trat­ti dis­tin­tivi del PCI che sti­amo ricostru­en­do sarà pro­prio quel­lo dell’antifascismo e del­la fedeltà alla Cos­ti­tuzione. Lot­tan­do soprat­tut­to per inver­arne i prin­cipi mai attuati, ovvero attac­cati nel tem­po. Come dimostra, in modo tragi­co oggi, la giustez­za del val­ore del­la san­ità pub­bli­ca det­ta­ta dal­la Car­ta cos­ti­tuzionale e l’assalto subito dal dirit­to alla salute favoren­do i pri­vati del­la san­ità stes­sa”. I comu­nisti di Mari­no, all’impegno annuale ave­vano prepara­to, in questo 2020, una doppia inizia­ti­va che prevede­va sia l’appuntamento alle Fos­se Ardea­tine con mezzi pro­pri; che una cam­mi­na­ta da Bib­lioPop al Mau­soleo che alcu­ni com­pag­ni avreb­bero real­iz­za­to.

Aladi­no Lom­bar­di, Pres­i­dente ANFIM, in un inter­ven­to alle Fos­se Ardea­tine


“Ebbene, — dichiara Ender­le – non appe­na sarà pos­si­bile ono­rare i mar­tiri, man­ter­re­mo ques­ta nuo­va modal­ità. E’ un impeg­no che assum­i­amo.”. Si con­fer­ma così l’attenzione pri­or­i­taria, che i comu­nisti di Mari­no e del Lazio, han­no sem­pre dato e con­tin­uer­an­no a dare ai Mar­tiri e ai val­ori che la Resisten­za ha mes­so a base del­la Cos­ti­tuzione del­la Repub­bli­ca e, quin­di, alle nos­tre attuali lib­ertà.
Con­di­vi­di: