Fara Sabina (Rieti). Il PCI propone sostegno psicologico a distanza. Richiesto impegno del Comune.

Fara Sabina (Rieti). Il PCI propone sostegno psicologico a distanza. Richiesto impegno del Comune.

16/03/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1398 volte!

Mar­co Sgav­ic­chia, seg­re­tario PCI di Fara Sabi­na


Sti­amo assis­ten­do a diverse attiv­ità che uti­liz­zano inter­net, o il tele­fono, alcune a carat­tere pri­va­to, altre a carat­tere sociale/culturale/ludico, altre anco­ra col tim­bro del­la assis­ten­za pub­bli­ca per rispon­dere alla inaspet­ta­ta situ­azione che si è venu­ta a deter­minare dopo l’esplosione dell’epidemia del coro­n­avirus. I comu­nisti di Fara Sabi­na han­no ritenu­to di dover, con spir­i­to di servizio, avan­zare una pro­pos­ta alla comu­nità locale, tramite una azione diret­ta dell’amministrazione comu­nale. Per questo, Mar­co Sgav­ic­chia, seg­re­tario del PCI si è riv­olto al sin­da­co Davide Basil­i­ca­ta con una mail/pec già recap­i­ta­ta al Comune:

Fara Sabi­na (Rieti)


“Al sin­da­co del comune di Fara in Sabi­na. L’attuale emer­gen­za san­i­taria costringe a casa la mag­gior parte dei concit­ta­di­ni, in una situ­azione estrema­mente atipi­ca che potrebbe avere ris­volti psi­co­logi­ca­mente neg­a­tivi. Le pro­poni­amo di pren­dere in con­sid­er­azione la pos­si­bil­ità di un sosteg­no psi­co­logi­co telem­ati­co per la cit­tad­i­nan­za. Un sosteg­no che aiu­ti la popo­lazione, soprat­tut­to la parte più frag­ile e sen­si­bile, a super­are questo par­ti­co­lare momen­to del­la nos­tra vita. – il seg­re­tario comu­nista così con­clude nel­la richi­es­ta — Pur sen­za entrare nei par­ti­co­lari, pen­si­amo che non sia trop­po dif­fi­cile real­iz­zare un sim­i­le servizio di pub­bli­co sosteg­no, che fac­cia sen­tire vic­i­nan­za ed empa­tia.”.
Con­di­vi­di:
error14
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20