MARINO, CAMBIAMO: “STORIA E CULTURA FONDAMENTALI MA TRASCURATI DA M5S”

MARINO, CAMBIAMO: “STORIA E CULTURA FONDAMENTALI MA TRASCURATI DA M5S”

18/02/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1017 volte!

“Mari­no è una cit­tà uni­ca, dal­la sto­ria mil­lenar­i­an, ric­ca di bellezze cul­tur­ali e arche­o­logiche che l’attuale ammin­is­trazione a Cinque Stelle non riesce min­i­ma­mente a val­oriz­zare. Il Mitreo, l’ostello del­la gioven­tù, l’Appia Anti­ca, la Torre d’Ammonte, I reper­ti di Mugilla, il baso­la­to sul­la via Net­tunense, il Bosco Ferentano, le bot­teghe storiche: il nos­tro pat­ri­mo­nio è incred­i­bile, la con­cen­trazione di sto­ria e cul­tura in cosi pochi chilometri qua­drati la dicono lun­ga su come Mari­no potrebbe vivere tran­quil­la­mente di tur­is­mo e val­oriz­zazione cul­tur­ale, cre­an­do un indot­to eco­nom­i­co da far invidia e un tes­su­to sociale forte e uni­to. Eppure abbi­amo un gov­er­no comu­nale, quel­lo del sin­da­co Col­iz­za, total­mente immo­bile, inef­fi­ciente, inca­pace di tute­lare i pro­pri tesori arche­o­logi­ci, e sti­mo­lare momen­ti di asso­ci­azion­is­mo sociale e aggregazione cul­tur­ale. Istanze che la comu­nità locale, sia del cen­tro stori­co che dell’ex cir­co­scrizioni, chiede a gran voce ma che i grilli­ni di Palaz­zo Colon­na preferiscono trascu­rare, antepo­nen­do l’ambizione per­son­ale al bene comune. Un sin­da­co assente, asses­sori inesisten­ti, con­siglieri di mag­gio­ran­za ines­per­ti e liti­giosi: fa male vedere la nos­tra Mari­no bis­trat­ta­ta in questo modo, oscu­ra­ta nel­la sto­ria e nel­la cul­tura. Eh gia, sto­ria e cul­tura: pro­prio questi due fon­da­men­tali ele­men­ti fan­no la coscien­za di una comu­nità. Ed è pro­prio da lì che, a nos­tro giudizio, deve avviar­si la vera rinasci­ta di Mari­no, per uscire dal Medio­e­vo buio, causato dal Movi­men­to 5 Stelle”.
Così, in una nota, il comi­ta­to pro­mo­tore “Cam­bi­amo” del­la cit­tà di Mari­no.