Torna la Rassegna Rosso Porpora. I diritti delle donne tra riflessioni e teatro

Torna la Rassegna Rosso Porpora. I diritti delle donne tra riflessioni e teatro

17/02/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1500 volte!

Tor­na la Rasseg­na Rosso Por­po­ra. I dirit­ti delle donne tra rif­les­sioni e teatro
Doppio appun­ta­men­to, il 28 e il 29 feb­braio, con la Rasseg­na Rosso Por­po­ra 2020 che, quest’anno, giunge alla terza edi­zione. L’auditorium del Museo dioce­sano ospiterà ven­erdì 28 feb­braio, alle 19, “Codice Rosso. Le norme a tutela delle donne vit­time di vio­len­ze e dis­crim­i­nazioni dopo la legge del 19 luglio 2019, n. 69” a cura del Mag­is­tra­to Dott. Vale­rio de Gioia. L’argomento sarà appro­fon­di­to dal­lo stes­so dot­tor de Gioia insieme ad Adri­ana Pan­nit­teri, scrit­trice e gior­nal­ista Rai 1; e saba­to 29 feb­braio, alle 20, a cura dell’Associazione cul­tur­ale Gal­le­ria Man­fre­di di Lucera, “Harem, le donne di Fed­eri­co”, con Car­la De Giro­lamo che ne cura anche la regia, un pic­co­lo gial­lo stori­co in cui la figu­ra di Fed­eri­co II di Sve­via è nar­ra­ta attra­ver­so tre fig­ure fem­minili pro­tag­o­niste: Bian­ca Lan­cia, sua figlia Violante e la sua balia. Le tre donne aspet­tano Fed­eri­co che man­ca da due anni, ma la sparizione del­la col­lana che lui ha regala­to a Bian­ca trasfor­ma la fes­ta che prepar­a­vano in un dram­ma immi­nente.
«L’universo fem­minile è sem­pre al cen­tro di ques­ta rasseg­na, ma con uno sguar­do, quest’anno, ai dirit­ti delle donne. Ne par­lere­mo con il mag­is­tra­to Vale­rio de Gioia e la scrit­trice e gior­nal­ista Rai Adri­ana Pan­nit­teri per un appro­fondi­men­to sul­la legge n. 69 del 2019 denom­i­na­ta “Codice Rosso” – sot­to­lin­ea l’Assessore alla Cul­tura Sara Alle­gret­ta, che ha ideato la Rasseg­na — pros­eguire­mo poi con il per­cor­so artis­ti­co-let­ter­ario, intrapre­so già dal 2018, che ha vis­to sem­pre sold out alle inizia­tive real­iz­zate. Con il sec­on­do appun­ta­men­to: ”Harem, le donne di Fed­eri­co”, resti­tu­iamo al teatro – con­clude l’Assessore — lo spun­to di rif­les­sione sul ruo­lo delle donne ai tem­pi di Fed­eri­co II di Sve­via, un ruo­lo che sco­prire­mo non trop­po lon­tano dal­la nos­tra realtà».
Entram­bi gli appun­ta­men­ti sono ad ingres­so gra­tu­ito.

Con­di­vi­di: