RIVOLUZIONE ANIMALISTA, ANTONIO BORRELLO RESPONSABILE NAZIONALE “DIPARTIMENTO ZOOMAFIE”

RIVOLUZIONE ANIMALISTA, ANTONIO BORRELLO RESPONSABILE NAZIONALE “DIPARTIMENTO ZOOMAFIE”

12/02/2020 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1416 volte!

Anto­nio Bor­rel­lo è sta­to nom­i­na­to nuo­vo Respon­s­abile Nazionale “Dipar­ti­men­to Zoomafie” di Riv­o­luzione Ani­mal­ista. A comu­ni­car­lo, nel­la gior­na­ta di oggi, è sta­ta la Seg­re­taria nazionale del par­ti­to politi­co, Gabriel­la Cara­man­i­ca, che in una nota stam­pa, sot­to­lin­ea: “E’ un vero piacere e un grande orgoglio accogliere nel­la nos­tra squadra Anto­nio Bor­rel­lo, uomo dall’alta caratu­ra umana, da numerosi anni impeg­na­to a tutela dei dirit­ti ani­mali e con­tro ogni for­ma di abu­so e ille­gal­ità”. Nato nel mar­zo del 1956, già apparte­nente alla Guardia di Finan­za, tra i pro­mo­tori di una legge con­tro la zoo­eras­tia, socio ono­rario del­l’as­so­ci­azione inter­nazionale del­la Legione Garibal­d­ina, e pres­i­dente di una asso­ci­azione Ani­mal­ista nata per com­bat­tere il randag­is­mo nel sud, Anto­nio Bor­rel­lo ha fat­to del volon­tari­a­to e dell’attivismo ter­ri­to­ri­ali due dei suoi prin­ci­pali cav­al­li di battaglia, ponen­dosi sem­pre in pri­mo piano nel­la dife­sa degli ani­mali: “Un impeg­no quo­tid­i­ano, che ho avu­to modo di apprez­zare per­sonal­mente, una dedi­zione e una pro­fes­sion­al­ità che lo ha por­ta­to ad avvic­i­nar­si a Riv­o­luzione Ani­mal­ista che, vicev­er­sa, ha trova­to in lui un per­no fon­da­men­tale. Per ques­ta ragione – con­tin­ua il seg­re­tario nazionale del par­ti­to, Gabriel­la Cara­man­i­ca – ho deciso di affi­dar­gli un incar­i­co molto del­i­ca­to, come quel­lo del Dipar­ti­men­to Zoomafie, un fenom­e­no sociale e crim­i­nale che dom­i­na nel silen­zio su tut­to il ter­ri­to­rio nazionale e incide neg­a­ti­va­mente sul­la vita di tan­ti poveri ani­mali. Ad Anto­nio Bor­rel­lo, dunque, io e tut­ta la squadra di Riv­o­luzione Ani­mal­ista riv­ol­giamo i nos­tri più sen­ti­ti auguri di buon lavoro”, con­clude Gabriel­la Cara­man­i­ca.