Roma. Il PCI Lazio chiama di nuovo in piazza per la pace. Unitariamente a Roma, sabato 25

Roma. Il PCI Lazio chiama di nuovo in piazza per la pace. Unitariamente a Roma, sabato 25

22/01/2020 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1248 volte!

Parte del Pre­sidio con­tro l’im­pe­ri­al­is­mo e per la pace in piaz­za Bar­beri­ni ven­erdì 10 a Roma


Roma. Del­la Pos­ta, PCI : a piaz­za Bar­beri­ni erava­mo 300. Saba­to a Esquili­no sare­mo molti di più! Sem­pre con­tro le politiche di guer­ra.

“Il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, insieme al coor­di­na­men­to delle sin­istre di oppo­sizione (Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, Sin­is­tra Ant­i­cap­i­tal­ista, Par­ti­to Comu­nista dei Lavo­ra­tori, Par­ti­to Marx­ista-Lenin­ista Ital­iano, La Cit­tà Futu­ra, Comunist@ in movi­men­to) è impeg­na­to ad essere pre­sente a questo impor­tante appun­ta­men­to di lot­ta. Saba­to 25 alle ore 17.00 a piaz­za dell’Esquilino a Roma. Lo fare­mo a segui­to del­l’ap­pel­lo del­l’as­so­ci­azion­is­mo paci­fista statu­nitense, per man­i­festare con­tro l’esca­la­tion di guer­ra in Medio Ori­ente deter­mi­natasi con l’at­tac­co crim­i­nale del­l’im­pe­ri­al­is­mo USA in Iraq. Il gov­er­no Con­te bis sta por­tan­do l’I­talia in guer­ra attra­ver­so le numerose basi mil­i­tari Usa e Nato pre­sen­ti sul nos­tro ter­ri­to­rio, attra­ver­so il finanzi­a­men­to dell’ indus­tria mil­itare da ulti­mo con la con­fer­ma del­l’ac­quis­to dei cac­cia­bom­bardieri F35, attra­ver­so la pre­sen­za dei mil­i­tari ital­iani in ter­ri­to­rio iracheno, attra­ver­so la per­ma­nen­za nel­la Nato, che com­por­ta un ingente dis­pendio di risorse per fini mil­i­tari e la com­plic­ità nelle politiche di guer­ra di ques­ta coal­izione. Chiedi­amo l’im­me­di­a­to ritiro delle truppe ital­iane dal­l’I­raq e da tut­ti gli sce­nari di guer­ra, l’us­ci­ta del­l’I­talia dal­la Nato e una dras­ti­ca riduzione delle spese mil­i­tari a par­tire dal­la revo­ca del pro­gram­ma di acquis­to degli aerei F35. Fac­ciamo appel­lo ai media ital­iani che pren­dano coscien­za del fat­to che il prin­ci­pale nemi­co del­la pace mon­di­ale è l’imperialismo amer­i­cano ed i suoi fidi alleati (sud­di­ti) region­ali e non la Rus­sia e la Cina, come spes­so indi­ca­to nei loro arti­coli. Ai com­pag­ni, ai cit­ta­di­ni demo­c­ra­ti­ci e paci­fisti, e agli uomi­ni di buona volon­tà che pos­sono ascoltare spes­so perfi­no le parole di Papa Francesco, san­no che queste nos­tre azioni sono le uniche che perseguono la pace. Da qui l’invito pres­sante a non seguire da lon­tano ma di parte­ci­pare con noi a questi momen­ti di lot­ta. Vi aspet­ti­amo. A Piaz­za Bar­beri­ni erava­mo pochi giorni fa, cir­ca tre­cen­to. Fac­ciamo che questo appun­ta­men­to a piaz­za Esquili­no sia ancor più parte­ci­pa­to.”. Così in una nota il seg­re­tario del PCI del­la regione Lazio, Oreste del­la Pos­ta, invi­ta alla man­i­fes­tazione uni­taria di lot­ta per la pace.

Con­di­vi­di:
error14
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20