Marino/S. Maria delle Mole. Comitato Esecutivo ha dato via libera a due nuove iniziative autogestite. “Sportello d’ascolto” e “Inglese per bambini”.

Marino/S. Maria delle Mole. Comitato Esecutivo ha dato via libera a due nuove iniziative autogestite. “Sportello d’ascolto” e “Inglese per bambini”.

04/12/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1976 volte!


Come infor­ma il Pres­i­dente di Acab/BiblioPop, Ser­gio San­ti­nel­li, “da lunedì 2 dicem­bre, ha pre­so avvio un cor­so che impeg­n­erà una vol­ta alla set­ti­mana – il lunedì dalle 17,00 alle 18.00 – bam­bi­ni e bam­bine curiosi di impara­re la lin­gua inglese. Nat­u­ral­mente – spie­ga il Pres­i­dente – la richi­es­ta non nasce dai bam­bi­ni ma dai gen­i­tori che pre­murosa­mente han­no scel­to per i pro­pri figli ques­ta ulte­ri­ore oppor­tu­nità di apprendi­men­to. Noi come asso­ci­azione, col gioiel­lo Bib­lioPop che sti­amo val­oriz­zan­do sem­pre più, siamo sta­ti molto lieti di accogliere la volon­tà autor­ga­niz­za­trice di queste e questi soci gen­i­tori di Acab. Chi­unque sia inter­es­sato ad avere ulte­ri­ori notizie può riv­ol­ger­si a noi nei soli­ti modi, oppure diret­ta­mente il lunedì pres­so Bib­lioPop”.

Inoltre, Ser­gio San­ti­nel­li, ha fat­to sapere che l’Esecutivo ha accolto l’idea, che è atti­va già da oggi, mer­coledì 4 dicem­bre, del­lo “Sportel­lo d’ascolto”. Una attiv­ità a cura del­la fautrice, Ste­fa­nia Stud­er, che sarà disponi­bile ogni mer­coledì dalle 18.00 alle 19.00, come speci­fi­ca lei stes­sa riv­ol­ta agli inter­es­sati: “Hai voglia di rac­con­tare qual­cosa di te? Hai voglia di con­di­videre un momen­to di gioia, tris­tez­za, pau­ra, rab­bia, sper­an­za? Hai voglia di essere ascoltato/a? Puoi seder­ti qui davan­ti a me, io ti ascolterò per ven­ti minu­ti prat­i­can­do l’ascolto atti­vo.” Chieden­do a Ste­fa­nia Stud­er cosa sia l’ascolto atti­vo, ci dice che “L’ascolto atti­vo è la capac­ità di saper ascoltare con un ele­va­to gra­do di atten­zione e parte­ci­pazione comu­nica­ti­va. In prat­i­ca dif­ferisce dall’ascolto comune­mente inte­so come sem­plice ricezione di infor­mazioni (ascolto pas­si­vo). L’ ascolto atti­vo è la capac­ità di porre atten­zione alla comu­ni­cazione dell’altro sen­za for­mu­la­re giudizi. È un atto inten­zionale che impeg­na la nos­tra atten­zione a cogliere quan­to l’altro ci riferisce sia in modo esplic­i­to che implic­i­to, sia a liv­el­lo ver­bale che non ver­bale.
Il bisog­no di essere ascoltati e la disponi­bil­ità ad ascoltare, rap­p­re­sen­tano il pri­mo pas­so per costru­ire una buona relazione con gli altri. Per ascoltare non si intende il sem­plice “stare a sen­tire”, ma una com­bi­nazione tra ciò che l’altro sta dicen­do asso­ci­a­to ad un coin­vol­gi­men­to atti­vo, sig­nifi­ca uti­liz­zare l’empatia per entrare in sin­to­nia con l’altro.”.

Luciana Zampil­loni, Lil­iana Sosa, Cristi­na Moglia, Ste­fano Ender­le e Ser­gio San­ti­nel­li pres­so la river­ni­ci­a­ta panchi­na rossa antiv­i­o­len­za nel par­co Mau­ra Car­roz­za.


“Due inizia­tive che si aggiun­gono alla pre­sen­tazione di lib­ri, ai con­veg­ni, alle assem­blee su tem­atiche sociali e politiche, alla proiezione di film, alle mostre – sot­to­lin­ea Ser­gio San­ti­nel­li – oltre al fun­zion­a­men­to base del­la bib­liote­ca popo­lare “Gisel­da Rosati” da cui tut­to ha avu­to inizio. Ringrazio tut­ti i soci e i volon­tari e tut­ti i cit­ta­di­ni che ci fan­no sen­tire utili, speran­do di ricam­biar­li”.
Con­di­vi­di: