ARDEA, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “INTERVENIRE SU SECONDO CAVALLO MAL NUTRITO”

ARDEA, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “INTERVENIRE SU SECONDO CAVALLO MAL NUTRITO

02/12/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 632 volte!

Siamo pre­oc­cu­pati e rat­tris­ta­ti per quan­to sta accade­do nel ter­ri­to­rio di Ardea, dove le forze dell’ordine han­no rin­venu­to un cav­al­lo grave­mente mal nutri­to e las­ci­a­to al pro­prio infaus­to des­ti­no. Una vicen­da ter­ri­bile, che Riv­o­luzione Ani­mal­ista stig­ma­tiz­za con forza e sul­la quale deve essere fat­ta imme­di­a­ta chiarez­za. Sec­on­do le prime ricostruzioni, infat­ti, l’animale non sarebbe sta­to accu­d­i­to dal pro­pri­etario di un ter­reno pri­va­to e, stante le dis­per­ate con­dizioni di salute del cav­al­lo, gli sarebbe sta­ta prat­i­ca­ta l’eutanasia per evitare ulte­ri­ori sof­feren­ze. Tut­to questo, dunque, è la dimostrazione lam­pante di come anco­ra una vol­ta i dirit­ti degli ani­mali con­tin­uino ad essere calpes­ta­ti a causa di padroni neg­li­gen­ti e sen­za cuore. Anzi, con l’occasione, lan­ci­amo un ulterirore allarme sul fat­to che la trage­dia di Ardea potrebbe ripeter­si: nel­lo stes­so ter­reno pri­va­to, infat­ti — oltre al cav­al­lo poi scom­par­so -, ne è pre­sente un altro, sem­pre mal nutri­to e in con­dizione igien­i­co-san­i­tarie dis­per­ate. E cit­ta­di­ni e volon­tari ci infor­mano che già in pas­sato sono avvenute seg­nalazioni sen­za che però le isti­tuzioni pre­poste inter­venis­sero e disponessero cure per il povero ani­male. Davvero inac­cetta­bile. E’ il caso che si agis­ca imme­di­ata­mente al fine di evitare una sec­on­da ter­ri­bile morte. Al con­tem­po, ci auguri­amo che il pro­pri­etario del ter­reno, autore di questi atti veri e pro­pri atti crim­i­nosi ai dan­ni dei due poveri cav­al­li, ven­ga perse­gui­to penal­mente. Sarà nos­tra cura seguire l’iter giudiziario del­la vicen­da ed inter­venire lad­dove dovesse ren­der­si nec­es­sario”.
Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.