Professione Enogastronomo, la Fisar Roma e Castelli Romani in cattedra all’Università Roma Tre

Professione Enogastronomo, la Fisar Roma e Castelli Romani in cattedra all’Università Roma Tre

31/10/2019 0 Di Fabio Ciarla

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 218 volte!

La Del­egazione di Som­me­li­er del­la Cap­i­tale sarà respon­s­abile del “Lab­o­ra­to­rio di Enogas­trono­mia III” e rilascerà agli stu­den­ti anche l’attestato di Pri­mo Liv­el­lo Fis­ar

È nata una nuo­va sin­er­gia per la for­mazione in cam­po enogas­tro­nom­i­co, l’Università Roma Tre ha infat­ti affida­to il “Lab­o­ra­to­rio di Enogas­trono­mia III” alla Del­egazione Fis­ar Roma e Castel­li Romani. Si trat­ta di uno degli inseg­na­men­ti obbli­ga­tori del Cor­so di Lau­rea (CdL) in Scien­ze e Cul­ture Enogas­tro­nomiche atti­va­to nel 2015 pres­so il Dipar­ti­men­to di Scien­ze dell’Ateneo romano. Il cor­so di lau­ra mira all’integrazione tra conoscen­ze tec­ni­co-sci­en­ti­fiche ed uman­is­tiche, inquad­ran­do le qual­ità delle materie prime ali­men­ta­ri e del proces­so pro­dut­ti­vo, nel più ampio con­testo socio-eco­nom­i­co e cul­tur­ale del ter­ri­to­rio di rifer­i­men­to. Inoltre, fin dall’inizio, il cor­so di lau­rea ha sta­bil­i­to una col­lab­o­razione fat­ti­va tra mon­do acca­d­e­mi­co e mon­do pro­dut­ti­vo, utile anche a man­tenere sem­pre aggior­na­ta la pro­pos­ta didat­ti­ca oltre ad arric­chirla di espe­rien­ze dirette. In par­ti­co­lare nei cicli di sem­i­nari “Pro­fes­sione Enogas­tronomo”, gli stu­den­ti han­no l’occasione di incon­trare di per­sona rap­p­re­sen­tan­ti di enti ed aziende oper­an­ti nel set­tore enogas­tro­nom­i­co, men­tre nei “Lab­o­ra­tori Enogas­tro­nomi­ci” sono pre­visti espe­rien­ze e appro­fondi­men­ti prati­ci.

Pro­prio uno di questi appro­fondi­men­ti è sta­to affida­to alla Del­egazione Fis­ar di Roma e Castel­li Romani, che ha atti­va­to i suoi migliori rela­tori – tra cui enolo­gi, pro­fes­sori uni­ver­si­tari e gior­nal­isti pro­fes­sion­isti – per offrire una panoram­i­ca esaus­ti­va sul mon­do del vino e del­la som­mel­lerie, com­ple­tan­do anche, nel monte ore affida­to, il cor­so di Pri­mo Liv­el­lo per tut­ti gli stu­den­ti. Questi potran­no poi, se vor­ran­no, ter­minare il per­cor­so per diventare som­me­li­er in una qual­si­asi delle Del­egazioni Fis­ar sparse in Italia.

Per salutare l’avvio del­la col­lab­o­razione è arriva­to a Roma anche il Pres­i­dente Nazionale del­la Fis­ar Lui­gi Terza­go che, con il Del­e­ga­to del­la Cap­i­tale Angela Maglione e il Respon­s­abile di Zona Andrea Di Loren­zo, han­no pre­sen­ta­to la Fis­ar e la Del­egazione Autono­ma Fis­ar Roma e Castel­li Romani agli stu­den­ti. A coor­dinare il cor­so sarà Pao­lo Pietro­marchi, respon­s­abile del­la didat­ti­ca per la Del­egazione, che si avvar­rà anche di som­me­li­er esper­ti per la parte prat­i­ca. La pri­ma lezione del “Lab­o­ra­to­rio di Enogas­trono­mia III” si è aper­ta con un brin­disi inau­gu­rale, al quale han­no pre­so parte anche il pro­fes­sor Mar­co Alber­to Bologna, Diret­tore Dipar­ti­men­to di Scien­ze dell’Università Roma Tre, e la pro­fes­sores­sa Livia Leoni, coor­di­na­trice del CdL in Scien­ze e Cul­ture Enogas­tro­nomiche.

Un inizio davvero sti­molante, che ha vis­to molto parte­cipi anche gli stu­den­ti, che potran­no così arric­chire il loro per­cor­so for­ma­ti­vo con uno degli aspet­ti fon­da­men­tali del pat­ri­mo­nio enogas­tro­nom­i­co ital­iano: Il vino, la cul­tura che esso gen­era da sem­pre e, inoltre, il sis­tema eco­nom­i­co col­le­ga­to.

Con­di­vi­di:
error0