ROMA, CARAMANICA(RA): “RAGGI VUOLE ABBATTERE CINGHIALI. DELIBERA M5S SCANDALOSA”

ROMA, CARAMANICA(RA): “RAGGI VUOLE ABBATTERE CINGHIALI. DELIBERA M5S SCANDALOSA

14/10/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 708 volte!

La sin­da­ca Rag­gi perde la sua vena ani­mal­ista. Appren­di­amo, infat­ti, che i cinghiali che si avven­tur­eran­no negli inse­di­a­men­ti abi­tati di Roma Cap­i­tale saran­no abbat­tuti o, quan­do pos­si­bile, cat­turati e man­dati pres­so all­e­va­men­ti “a scopo ali­menta­re”. Lo prevede una delib­era approva­ta lo scor­so 27 set­tem­bre dal­la giun­ta comu­nale gril­li­na. Una delib­era che Riv­o­luzione Ani­mal­ista con­tes­ta aper­ta­mente, vis­to e con­sid­er­a­to che noi siamo con­trari a qual­si­asi for­ma di abbat­ti­men­to ani­male: la con­sid­e­ri­amo una prat­i­ca medio­e­vale, dis­umana e ricor­diamo che esistono numerosi altri meto­di di dife­sa appro­priati ed effi­caci, in gra­do di con­tem­per­are la tutela degli ani­mali sel­vati­ci con la pub­bli­ca inco­lu­mità: dalle bar­riere fisiche, come le recinzioni tradizion­ali ed elet­triche, a quelle psi­co­logiche, dal for­ag­gia­men­to dis­sua­si­vo alla pro­tezione otti­co-acus­ti­ca. Insom­ma, tutte tec­niche di dife­sa, eco­logi­ca­mente e social­mente accettate e sosteni­bili, che pos­sono lim­itare, e di molto, i dan­ni provo­cati dagli ani­mali sel­vati­ci. Inoltre, il prob­le­ma dei cinghiali in cit­tà dovrebbe essere affronta­to a monte, e non a valle. Per­ché queste povere bestie finis­cono su stra­da a cibar­si dell’immondizia tras­bor­dante dai cas­sonet­ti? Evi­den­te­mente per­ché la Cap­i­tale d’Italia è tal­mente pre­da dell’incuria e del­la spor­cizia tan­to da atti­rare gli ani­mali sel­vati­ci fuori dal loro habi­tat nat­u­rale. Dunque, invece di pen­sare a come abbat­tere questi esem­plari, con­sigliamo alla sin­da­ca Rag­gi di man­tenere Roma puli­ta e imple­mentare la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta”.

Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.