ROMA/Frosinone. Della Posta: ecco la ricostruzione del Partito Comunista Italiano. Unità nella diversità, l’11 a FR.

ROMA/Frosinone. Della Posta: ecco la ricostruzione del Partito Comunista Italiano. Unità nella diversità, l’11 a FR.

07/10/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1269 volte!

Ormai non pas­sa giorno che il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano non mostri i suoi seg­ni vitali. “Non siamo con un min­i­mo pre­sen­ti in tut­ti i Comu­ni e le cit­tà – ci dice il seg­re­tario del PCI del Lazio Oreste del­la Pos­ta – però, siamo attivi in molti cen­tri impor­tan­ti e sig­ni­fica­tivi. Realtà si stan­no rior­ga­niz­zan­do nel­la cit­tà di Roma. Quin­di non solo la stor­i­ca Labaro, ma anche, ad esem­pio, pre­sen­za nel­la parte sud est del­la cit­tà. Le famose per­iferie. Inoltre – con­tin­ua a rac­con­tare il seg­re­tario comu­nista a mar­gine di una riu­nione di Par­ti­to di liv­el­lo regionale – la cosa vera­mente impor­tante è che tutte le nos­tre scelte riescono a nutrir­si del­la lin­ea sag­gia che ci siamo dati: unità nel­la diver­sità. Che, tradot­to, vuol dire che per noi è impor­tan­tis­si­ma l’unità dei comu­nisti ovunque essi siano orga­niz­za­ti, ma guai a chi inten­desse l’unità come annes­sioni o sub­al­ter­nità varie! No, noi ami­amo e pratichi­amo l’unità, col mas­si­mo rispet­to dovu­to pro­prio delle diver­sità. Oltre questo, vuol dire anche che il con­fron­to sui gran­di temi, siano essi di liv­el­lo inter­nazionale, di liv­el­lo teori­co, o di pro­gram­ma di lotte e pro­poste, vive del­la stes­sa metodolo­gia. E’ in questo modo, ‑con­clude Del­la Pos­ta – che siamo rius­ci­ti ad essere pre­sen­ti in coal­izione con Potere al Popo­lo, ma con la nos­tra lista, alle elezioni dell’Umbria; è con lo stes­so meto­do che sti­amo lavo­ran­do con altre orga­niz­zazioni alla preparazione del­la nos­tra pre­sen­za in Emil­ia Romagna, e così via per i vari appun­ta­men­ti di lotte sociali e di sca­den­ze elet­torali ammin­is­tra­tive del­la prossi­ma pri­mav­era.

Oreste del­la Pos­ta in con l’in­ci­den­ta­to Gino Rossi, leader di Verten­za Frusi­nate

Sul­la forza e la trasparen­za di questo meto­do – chi­ude il seg­re­tario comu­nista – vale ciò che fare­mo il prossi­mo 11 otto­bre alle ore 16:30, pres­so la sala con­sil­iare del­l’am­min­is­trazione Provin­ciale di Frosi­none, si ter­rà un incon­tro sul tema: “Ripen­sare il ruo­lo delle sin­istre alla luce dei nuovi sce­nari politi­ci”, Pre­siede Anna Maria di San­to pres­i­dente comi­ta­to fed­erale PCI; Relazione di Bruno Bar­bona seg­re­tario provin­ciale PCI; Con­trib­u­to Oreste Del­la Pos­ta seg­re­tario regionale PCI; Con­clu­sioni di Ugo Moro tesoriere Nazionale PCI ; dove la cosa più impor­tante è pro­prio dato dall’invito par­i­tario riv­olto a PRC, Sin­is­tra Ital­iana, Risorg­i­men­to Social­ista, Pos­si­bile, Potere al Popo­lo e varie asso­ci­azioni politiche cul­tur­ali.”.