COMMERCIO, TISO(AMICO): “PROTEZIONISMO AMERICANO FA MALE AI NOSTRI PRODOTTI TIPICI”

COMMERCIO, TISO(AMICO): “PROTEZIONISMO AMERICANO FA MALE AI NOSTRI PRODOTTI TIPICI

03/10/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1008 volte!

I dazi amer­i­cani sui prodot­ti made in Italy, che scat­ter­an­no il prossi­mo 18 otto­bre, rischia di colpire con una tas­sa del 25% eccel­len­ze come il pecori­no romano, il parmi­giano reg­giano, il pro­volone, le cozze e i liquori. Si trat­ta di una misura pro­tezion­is­ti­ca peri­colosa, grave, che ques­ta asso­ci­azione polit­i­ca stig­ma­tiz­za con forza vis­to e con­sid­er­a­to che potrebbe ali­menta­re e arric­chire quel­la fet­ta di com­mer­cio, lega­ta ai prodot­ti spac­ciati per ital­iani ma che ital­iani non sono: realtà che dan­neg­gerebbe pesan­te­mente le aziende del nos­tro ter­ri­to­rio. In molti, anche tra i sosten­i­tori ital­iani del pres­i­dente amer­i­cano Trump, si stan­no accor­gen­do che una polit­i­ca pro­tezion­is­ti­ca fat­ta di dazi e di chiusura dei mer­cati, infat­ti, è un grave noc­u­men­to ai nos­tri inter­es­si nazion­ali, delle nos­tre imp­rese e delle famiglie. La vicen­da del Parmi­giano Reg­giano taroc­ca­to è sola­mente l’ul­ti­mo esem­pio, vis­to e con­sid­er­a­to che i dazi penal­iz­zano pae­si esporta­tori come il Bel­paese e avvan­tag­giano sem­pre le economie più for­ti rispet­to a quelle più deboli. Cosa ne pen­sano il gov­er­no ital­iano e l’Unione Euro­pea?”.

Così, in una nota, Roc­co Tiso, por­tav­oce nazionale di Ami­co, Forza Polit­i­ca “Asso­ciati in Movi­men­to Inizia­ti­va Comune”