ROMA. Il PCI coi lavoratori di Roma Metropolitane in lotta per difendere il posto di lavoro

ROMA. Il PCI coi lavoratori di Roma Metropolitane in lotta per difendere il posto di lavoro

02/10/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1421 volte!

Oreste del­la Pos­ta, a sin­is­tra, e, Cristi­na Cir­il­lo al cen­tro, in occa­sione di un dono di bandiere alla ambas­ci­atrice del­la Repub­bli­ca Popo­lare di Cina a Roma


Sol­i­da­ri­età ai sin­da­cal­isti e con­siglieri fer­i­ti. Ieri pomerig­gio, 1 otto­bre, un pre­sidio di protes­ta di lavo­ra­tori, sin­da­cal­isti e con­siglieri comu­nali, che davan­ti la sede di Roma Met­ro­pol­i­tane sta­va denun­cian­do il licen­zi­a­men­to di 150 lavo­ra­tori, è sta­to forza­to dal­la Polizia, per far entrare negli uffi­ci un col­lab­o­ra­tore di un asses­sore. Alla dis­per­azione dei lavo­ra­tori e delle loro famiglie, com­pren­si­bil­mente esasperati, per il loro futuro, si è rispos­to con l’uso del­la forza, in osse­quio a quan­to sta­bil­i­to dal decre­to sicurez­za tan­to volu­to da Salvi­ni quan­do era Min­istro dell’Interno. A fare le spese del­lo ”sfon­da­men­to” oper­a­to dagli agen­ti sono sta­ti soprat­tut­to il Con­sigliere comu­nale di Sin­is­tra per Roma e dep­u­ta­to Ste­fano Fassi­na ed una lavo­ra­trice che parte­ci­pa­va alla protes­ta. Sono rimasti fer­i­ti anche il Seg­re­tario regionale del­la CGIL Natale Di Cola ed il Seg­re­tario regionale del­la UIL, Alber­to Civi­ca. E’ asso­lu­ta­mente insop­porta­bile che nell’Italia di oggi i prob­le­mi sociali, i prob­le­mi del lavoro vengano affrontati esclu­si­va­mente sot­to la log­i­ca dell’Ordine Pub­bli­co! Il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano di Roma e del Lazio sono al fian­co dei lavo­ra­tori in lot­ta per la sacrosan­ta dife­sa del loro pos­to di lavoro ed invi­tano tut­ti e tutte a parte­ci­pare al pre­sidio di protes­ta, orga­niz­za­to dai sin­da­cati che si ter­rà oggi alle 17 in Piaz­za del Campi­doglio. Esp­ri­mono tut­ta la loro sol­i­da­ri­età e vic­i­nan­za al com­pag­no Ste­fano Fassi­na ed ai sin­da­cal­isti fer­i­ti. “E’ ormai evi­dente, in ogni pie­ga quo­tid­i­ana delle cose del­la vita nel nos­tro Paese, che, o si rimette al cen­tro la ques­tione dei lavo­ra­tori e del lavoro, o tut­ti i val­ori pos­i­tivi di cui pure la nos­tra Italia è capace, con­tin­uerà a subire derive. Al di là dei cam­bi di mag­gio­ranze e ges­tioni di potere a liv­el­lo nazionale e ter­ri­to­ri­ale. Noi non demor­der­e­mo. Siamo da sem­pre e con­tin­uer­e­mo ad essere coi lavo­ra­tori e con i val­ori del lavoro”. Questo il com­men­to che Cristi­na Cir­il­lo, del PCI di Roma e Oreste del­la Pos­ta, del PCI Lazio han­no rilas­ci­a­to dopo l’accaduto.