La Puglia dei siti Unesco al Salone Mondiale del Turismo a Roma

La Puglia dei siti Unesco al Salone Mondiale del Turismo a Roma

28/09/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 747 volte!

WTE: Regioni italiane e siti Unesco

La Puglia dei siti Unesco al Salone Mondiale del Turismo a Roma

Capone:” In Puglia è in atto la più grande infrastrutturazione culturale degli ultimi anni

Una nota a cura di Pugli­apro­mozione: Roma, 27 set­tem­bre 2019. Si è inau­gu­ra­to ieri a Roma a Palaz­zo Venezia, e dur­erà fino al 28 set­tem­bre, il WTE 2019 | World Tourism Event, Salone Mon­di­ale del Tur­is­mo Cit­tà e Siti UNESCO, a cui parte­ci­pa la Regione Puglia con Pugli­apro­mozione insieme a tutte le regioni d’Italia. L’obiettivo del­la rasseg­na è quel­lo di con­tribuire a dare spun­ti per nuovi mod­el­li di man­age­ment e per un effi­cace val­oriz­zazione e pro­mozione sosteni­bile dell’offerta cul­tur­ale mate­ri­ale e imma­te­ri­ale, anche in chi­ave di cresci­ta di econo­mia del tur­is­mo, favoren­do la con­nes­sione con prog­et­ti inno­v­a­tivi e il net­work­ing tra per­sone.

L’asses­sore all’Industria Tur­is­ti­ca e Cul­tur­ale, Loredana Capone, ha parte­ci­pa­to alla open­ing ses­sion e al taglio del nas­tro. Il Tur­is­mo è un set­tore strate­gi­co di pri­maria impor­tan­za per l’economia pugliese. Per favorire la cresci­ta dell’intero com­par­to, la Regione Puglia ha pun­ta­to sul binomio tur­is­mo e cul­tura – ha rac­con­ta­to l’Assessore Capone - Oltre al mare e alle spi­agge, la Puglia cus­todisce un ric­co tesoro artis­ti­co-cul­tur­ale che la Regione sta val­oriz­zan­do e pro­muoven­do in prodot­ti tur­is­ti­ci diver­si­fi­cati e inno­v­a­tivi: poli muse­ali, pae­sag­gi e borghi, 5 beni Unesco, tradizioni rurali, per­cor­si ciclo-tur­is­ti­ci, cam­mi­ni, enogas­trono­mia, tur­is­mo con­gres­suale e wed­ding”.

Oggi pan­el ded­i­ca­to al tema “Puglia: la più grande infra­strut­turazione cul­tur­ale degli ulti­mi anni”, a cui han­no parte­ci­pa­to Mas­si­mo Bray, Ex Min­istro dei Beni e le Attiv­ità Cul­tur­ali e il Tur­is­mo MIBACT, Lau­ra Mar­che­t­ti, Docente di Didat­ti­ca delle Cul­ture, Aldo Patruno, Diret­tore Gen­erale del Dipar­ti­men­to Tur­is­mo, Econo­mia del­la Cul­tura e Val­oriz­zazione del ter­ri­to­rio del­la Regione Puglia e Fabi­o­la Sfodera, Dot­tore di Ricer­ca in Mar­ket­ing, Facoltà di Econo­mia, Sapien­za Uni­ver­sità di Roma. Aldo Patruno ha rac­con­ta­to quel­la che è sta­ta a tut­ti gli effet­ti la più grande infra­strut­turazione cul­tur­ale degli ulti­mi anni in Puglia: La Puglia ha attua­to una strate­gia strat­i­fi­ca­ta per met­tere a sis­tema le eccel­len­ze del ter­ri­to­rio, ren­dere la cul­tura eco­nomi­ca­mente sosteni­bile e pro­muo­vere una Puglia da sco­prire in tutte le sta­gioni. La strate­gia com­prende 3 piani pluri­en­nali: Puglia365, Pii­il Cul­tura e Smart-In. Le parole chi­ave: Desta­gion­al­iz­zazione, Inter­nazion­al­iz­zazione ed Accoglien­za. Con Puglia365, la Regione ha avvi­a­to un per­cor­so di diver­si­fi­cazione dell’offerta tur­is­ti­ca che val­oriz­za le speci­ficità di ogni sin­go­lo ter­ri­to­rio e ne pro­muove la fruizione nei mesi non esclu­si­va­mente estivi. Con Pii­il Cul­tura e Smart-In, la Regione Puglia sta investen­do sul rap­por­to fra beni cul­tur­ali, imp­rese, inno­vazione e cul­tura, per incen­ti­vare l’assunzione di mod­el­li impren­di­to­ri­ali e prog­et­tuali a medio-lun­go ter­mine da parte degli oper­a­tori del set­tore. Smart-In, in par­ti­co­lare, val­oriz­za i con­teni­tori cul­tur­ali attra­ver­so un piano di svilup­po di con­tenu­ti di qual­ità che con­sentono una fruizione inno­v­a­ti­va

Con­di­vi­di:
error0