ROMA. INCONTRO TRA PCI E PRC DEL LAZIO. Proposto un patto di consultazione.

ROMA. INCONTRO TRA PCI E PRC DEL LAZIO. Proposto un patto di consultazione.

26/09/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1827 volte!


Ieri, mer­cole­di 25 set­tem­bre del­egazioni di Rifon­dazione Comu­nista e del PCI si sono incon­trate nel­la sede di Piaz­za­le degli Eroi a Roma. Il fat­ti­vo e frater­no incon­tro si è svolto tra i com­pag­ni gui­dati da Mau­r­izio Fab­bri per il PRC e quel­li capeg­giati da Oreste del­la Pos­ta per il PCI.
Mar­co Biz­zoni e Romi­na Pel­lec­chia per Rifon­dazione e Gae­tano Sem­i­na­tore, Andrea Sonaglioni e Mau­r­izio Aver­sa per il PCI han­no con­tribuito al con­fron­to tem­ati­co. Le richi­este di unità dei comu­nisti e la neces­sità di oppor­si al gov­er­no attuale così come è sta­to fat­to col prece­dente è il via per un per­cor­so, pro­pos­to dal seg­re­tario PCI. La neces­sità di fare atten­zione anche alle risposte da dare a com­in­cia­re dai con­flit­ti, purtrop­po assen­ti, nel­la soci­età, il rilie­vo da cui è par­ti­to il seg­re­tario di Rifon­dazione. Molti inter­ven­ti si sono poi con­cen­trati sul­la neces­sità di con­dannare imme­di­ata­mente l’immonda votazione del Par­la­men­to europeo cir­ca la ques­tione comu­nis­mo e nazis­mo. Ancor più si è ril­e­va­to che sarebbe gius­to e oppor­tuno chia­mare tutte quelle forze politiche, sociali, cul­tur­ali che in queste ore e in questi giorni si stan­no già pro­nun­cian­do decisa­mente con­tro la schifez­za per­pe­tra­ta nei con­fron­ti del­la sto­ria, dei val­ori sac­ri­f­i­cali, del­la ver­ità e delle pas­sioni e degli ide­ali che han­no sospin­to mil­ioni di uomi­ni e donne nel­la lot­ta con­tro il nazis­mo e il fas­cis­mo.
Per con­to di Rifon­dazione, Fab­bri ha pre­cisato che oper­erà pas­sag­gi interni – nazion­ali e ter­ri­to­ri­ali – per ver­i­fi­care una lin­ea di con­dot­ta.
Per il PCI, Del­la Pos­ta ha sot­to­lin­eato come “utile e nec­es­sario un pat­to di con­sul­tazione che dia vita ad un anal­iz­zare insieme ed agire insieme nelle cose che si sceglier­an­no comune­mente per i lavo­ra­tori e per i cit­ta­di­ni. Ciò vale nel­la soci­età, sui temi di natu­ra sociale, come le ques­tioni del lavoro e quelle sul wel­fare; così come vale sul ter­ri­to­rio regionale nei con­fron­ti di Roma cit­tà e di Roma met­ro­pol­i­tana (provin­cia), nei con­fron­ti del­la Regione isti­tuzione, e nelle centi­na­ia di Comu­ni. Cio’ potrà con­durre ad indi­vid­uare anal­isi, pro­poste e lotte da atti­vare con­tro la Giun­ta di Vir­ginia Rag­gi, così come con­tro la Giun­ta di Nico­la Zin­garet­ti. Intan­to il PCI, — com­men­ta il seg­re­tario comu­nista -, con­tin­ua nel­la sua azione di ricer­ca di unità dei comu­nisti e di un fronte del­la sin­is­tra forte­mente alter­na­ti­vo al sis­tema cap­i­tal­is­ti­co ed ai gov­erni e par­ti­ti che li sosten­gono e li toller­a­no.”.