Roma: “Scuole senza prof”

Roma: “Scuole senza prof”

23/09/2019 0 Di Giammarco Graziano

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 887 volte!

ROMA, LA CRISI DI OGNI INIZIO DI ANNO SCOLASTICO NON FA QUASI PIÙ NOTIZIA. SERIA LA SITUAZIONE ANCHE PER LA CARENZA DI INSEGNANTI DI SOSTEGNO

ARRIVA SETTEMBRE, SCUOLE SENZA INSEGNANTI

Vuote, o qua­si, le grad­u­a­to­rie ad esauri­men­to e di mer­i­to per le prin­ci­pali clas­si di con­cor­so. For­ti crit­ic­ità sul sosteg­no, e salta un’ora di lezione su tre…

Di Giammar­co Graziano

Set­tem­bre non è solo il mese in cui gli alun­ni tor­nano a scuo­la, ma anche quel­la in cui gli inseg­nan­ti rien­tra­no, meglio sarebbe dire, dovreb­bero rien­trare, nelle loro cat­te­dre. Dovreb­bero, per­ché ad oggi, nelle prin­ci­pali cit­tà ital­iane, in alcune dis­ci­pline vi sono serie dif­fi­coltà nel reperire i docen­ti.

Roma, in par­ti­co­lare, vive in questo sen­so una crisi pro­fon­da, che si va ulte­ri­or­mente acuen­do con il pen­sion­a­men­to degli aven­ti dirit­to a “quo­ta 100”.

Nel­la Cap­i­tale una scuo­la su tre è costret­ta ad uti­liz­zare inseg­nan­ti gior­nalieri, al fine di tam­ponare le ore di lezione in atte­sa dell’avvento dell’insegnante ‘avente dirit­to’.

Nelle Scuole dell’Infanzia comu­nali la situ­azione è analo­ga. In alcu­ni Municipi si è costret­ti a reperire per­son­ale dalle cosid­dette MAD (Messe a Dis­po­sizione), ovvero da can­di­da­ture ‘spon­ta­nee’ di per­son­ale abil­i­ta­to ma attual­mente fuori dalle grad­u­a­to­rie. Abbi­amo quin­di per un ver­so lezioni delle materie dis­ci­pli­nari obbli­ga­to­rie non anco­ra par­tite e, sem­pre in un caso su tre, diri­gen­ze costrette ad antic­i­pare l’us­ci­ta o a sospendere, nelle prime set­ti­mane, il tem­po pieno. Quan­to ne con­segue, in ter­mi­ni di didat­ti­ca e di orga­niz­zazione per le famiglie, è facil­mente intu­ibile.

Anco­ra più crit­i­ca la situ­azione riguardante gli inseg­nan­ti di sosteg­no per gli alun­ni con dis­abil­ità. In molte scuole non si riescono a reperire gli inseg­nan­ti spe­cial­iz­za­ti, molte cat­te­dre sono spes­so affi­date a per­son­ale in dero­ga, sicu­ra­mente di buona volon­tà, ma con altret­tan­ta certez­za non qual­i­fi­ca­to.

In tem­pi in cui i social sono sem­pre più spes­so espres­sione del pen­siero popo­lare, non pote­va che nascere sul più popo­lare tra essi, Face­book, il grup­po “dil­lo al min­istro”, che aus­pi­ca ragionevol­mente una ria­per­tu­ra del cor­so di spe­cial­iz­zazione sul sosteg­no al per­son­ale giu­di­ca­to ido­neo, ma rimas­to fuori dall’ultimo ciclo.

Emblem­ati­co, al propos­i­to, lo sfo­go sul Cor­riere del­la Sera del Diri­gente Sco­las­ti­co dell’Istituto tec­ni­co Salvem­i­ni di Bologna, che lamen­ta come “in prece­den­za ci fos­se la pos­si­bil­ità di richiedere inseg­nan­ti ad hoc per le dif­fi­coltà dei sin­goli stu­den­ti, se un dis­abile ave­va prob­le­mi con la matem­at­i­ca, si pote­va chiedere un docente di quel­la mate­ria, oggi non ci è più con­ces­sa ques­ta oppor­tu­nità. Non esiste neanche più la pos­si­bil­ità di chiedere la con­fer­ma di un sup­plente,” ha pros­e­gui­to il diri­gente, “cosa che ci per­me­t­te­va di garan­tire una con­ti­nu­ità didat­ti­ca impor­tante per gli stu­den­ti dis­abili, pos­si­amo pren­dere inseg­nan­ti solo dalle grad­u­a­to­rie incro­ci­ate, il che sig­nifi­ca che il pos­to lo prende chi ha più pun­teg­gi per anzian­ità e titoli”.

Al momen­to non è pre­vis­to con certez­za alcun tipo dei con­cor­si pre­visti dal decre­to sul­la ‘Buona Scuo­la’ del Gov­er­no Ren­zi, in quan­to aboli­ti dal suc­ces­si­vo Gov­er­no M5S – Lega.

La notizia pos­i­ti­va è che sono comunque riprese le trat­ta­tive tra i sin­da­cati ed il MIUR (Min­is­tero dell’Istruzione, dell’Università e del­la Ricer­ca), rap­p­re­sen­ta­to dal neo­min­istro Fio­ra­mon­ti. Ci si augu­ra con risul­tati e for­tu­na migliori rispet­to a quel­li con­se­gui­ti nel recente pas­sato.

Con­di­vi­di:
error0