CIRCO, CARAMANICA(RA): “BASTA ANIMALI. DA GOVERNO LEGGE AD HOC”

CIRCO, CARAMANICA(RA): “BASTA ANIMALI. DA GOVERNO LEGGE AD HOC

17/09/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 839 volte!

La notizia del­la ven­di­ta delle otto tigri del­la famiglia circense Weber, quat­tro delle quali uccis­ero il 4 luglio un doma­tore durante una tap­pa a Ter­l­izzi, riac­cende i fari medi­ati­ci sul­la pre­oc­cu­pante ques­tione degli ani­mali nei circhi. Ani­mali – lo ricor­diamo – che provano sof­feren­za, nati in cat­tiv­ità e pre­si dagli esseri umani men­tre vive­vano liberi in natu­ra. Nei circhi, infat­ti, essi ven­gono con­tin­u­a­mente sog­gio­gati al vol­ere dell’essere umano e, al con­tem­po, pri­vati dei loro com­por­ta­men­ti e dei loro istin­ti nat­u­rali. A dif­feren­za delle per­sone, gli ani­mali non scel­go­no di esi­bir­si, non scel­go­no di essere mes­si in gab­bia. Il para­dos­so è che la leg­is­lazione nazionale con­sente quel­lo che può definir­si un vero e pro­prio sfrut­ta­men­to degli ani­mali, sen­za che gli enti locali pos­sano proibire lo svol­gi­men­to dei circhi sul pro­prio ter­ri­to­rio di com­pe­ten­za. Per ques­ta ragione, Riv­o­luzione Ani­mal­ista rep­u­ta nec­es­saria e impro­cras­tin­abile la mod­i­fi­ca del­la nor­ma­ti­va vigente e sol­lecita gov­er­no gial­lorosso e Par­la­men­to ad oper­are per una apposi­ta legge per i circhi sen­za gli ani­mali. Sarebbe una con­quista di civiltà e buon­sen­so”.
Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.