RIFIUTI, ASSOTUTELA: “A ROMA E LAZIO TARI VESSA CITTADINI”

RIFIUTI, ASSOTUTELA: “A ROMA E LAZIO TARI VESSA CITTADINI

11/09/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 599 volte!

Sono davvero molto pre­oc­cu­pan­ti e allar­man­ti i numeri snoc­ci­o­lati in queste ore dal­la Con­f­com­mer­cio in mer­i­to all’aumento dei costi di aziende e cit­ta­di­ni per pagare la tas­sa sui rifiu­ti. In par­ti­co­lare, nel nos­tro ter­ri­to­rio regionale, dove la Tari pro-capite è la più ele­va­ta d’Italia. E la parte del leone la fa la cit­tà di Roma, dove i cit­ta­di­ni sono costret­ti a pagare una tas­sa eco­nomi­ca­mente da capogiro in cam­bio, bef­fa che si aggiunge al dan­no, di un servizio di rac­col­ta e smal­ti­men­to asso­lu­ta­mente pre­cario e insuf­fi­ciente. Vor­rem­mo capire: cosa han­no fat­to le isti­tuzioni pre­poste, in tes­ta il pres­i­dente del­la Regione Nico­la Zin­garet­ti e la sin­da­ca di Roma Vir­ginia Rag­gi, per imple­mentare e agevolare un ciclo vir­tu­oso dei rifiu­ti con con­seguen­ti costi risparmiati e agevolati per i cit­ta­di­ni? Let­teral­mente zero. Non dob­bi­amo stupir­ci dunque che i nos­tri ter­ri­tori con­tin­uino a essere dimen­ti­cati a causa del las­sis­mo isti­tuzionale e ammin­is­tra­ti­vo di Regione e Campi­doglio”.
Così in una nota il pres­i­dente nazionale del­la asso­ci­azione Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to, già can­dida­to al Comune di Roma