Roma. Regione Lazio. Dopo incontro aree crisi, Ziroli (PCI): basta soliti rinvii sulla pelle dei lavoratori.

Roma. Regione Lazio. Dopo incontro aree crisi, Ziroli (PCI): basta soliti rinvii sulla pelle dei lavoratori.

10/09/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1177 volte!

Da sin­is­tra: Tiziano Ziroli, resp Lavoro, Oreste del­la Pos­ta seg­re­tario regionale PCI Lazio

In un comu­ni­ca­to che ripor­ti­amo rias­sun­to, (Agen­zia Nova) sem­br­erebbe accen­nar­si a un qualche pas­so pos­i­ti­vo. Purtrop­po, come com­men­ta Tiziano Ziroli, respon­s­abile Lavoro del PCI Lazio, è la macchi­na del rin­vio. Che non con­sente ‚ad esem­pio, nep­pure di inter­venire da parte dei Comu­ni che han­no ormai tem­pi stret­tis­si­mi per even­tu­ali pre­sen­tazioni di prog­et­ti speci­fi­ci!
“Si è tenu­to oggi un incon­tro con l’asses­sore regionale Clau­dio Di Berardi­no per avviare le politiche attive nei ter­ri­tori di area di crisi com­p­lessa. Dopo una lun­ga dis­cus­sione la Regione ha deciso di ricon­vo­care…” Poi sug­li over 58 — con­tin­ua la nota — la Regione con­vocherà il 13 set­tem­bre gran parte dei comu­ni …”. Questo, invece, il pen­siero criti­co, che è sta­to espos­to anche ai rap­p­re­sen­tan­ti del­la Verten­za Frusi­nate da Ziroli: Ieri si e svolto un incon­tro in regione per le aree di crisi com­p­lessa Frosi­none e Rieti. “L’in­con­tro sec­on­do il mio pun­to di vista non ha por­ta­to risul­tati ma solo un soli­to rin­viare. Le ques­tioni che dove­vano uscire fuori era­no:
1) le deter­mine per il paga­men­to delle mobil­ità sono state invi­ate al Min­is­tero?
2) la Regione ha già chiesto al nuo­vo governo…di cui ora il PD fa parte…la dero­ga per il 2020?
3) loro con­vo­cano i sin­daci e gli imprenditori…ma con quali progetti?…con quale politiche indus­tri­ali?
Inoltre i lavo­ra­tori fini­ran­no la dero­ga il 21 novembre…e ci siamo ora­mai… il tem­po è breve.. quin­di per­chè tut­ti questi rin­vii?”. Gli over 58 se tut­to va bene nei lavori di pub­bli­ca util­ità lavor­eran­no solo per 12 giorni…e per ulti­mo ma forse anco­ra più grave i sol­di che la regione Lazio ha per le deroghe potreb­bero non bastare in quan­to van­no sud­di­visi tra le mobil­ità e le casse inte­grazioni stra­or­di­nar­ie. …
“Il PCI, — come ricor­da anche il seg­re­tario del Lazio, Oreste del­la Pos­ta -, con­tin­uerà a mon­i­torare e ad essere sem­pre disponi­bile a sostenere le lotte dei lavo­ra­tori e dei sen­za lavoro. Non per nul­la sia le inizia­tive region­ali che le pri­or­ità nazion­ali che sti­amo atti­van­do, sono tutte con il Lavoro quale faro di anal­isi, di inter­ven­to sociale, di scelta polit­i­ca. Dig­nità e qual­ità del lavoro in sicurez­za per i lavo­ra­tori, sia di tipo già noto, la fab­bri­ca, i campi, gli uffi­ci, ma anche i cosid­det­ti nuovi mestieri.”.