Legacoop Lazio/CulTurMedia: in partenza i Corsi di Apprendimento Permanente DTC Lazio

Legacoop Lazio/CulTurMedia: in partenza i Corsi di Apprendimento Permanente DTC Lazio

04/09/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 960 volte!

Un impor­tante seg­nale di inno­vazione nel cam­po del­la cul­tura e del­la coop­er­azione laziale è risul­ta­to dal­la col­lab­o­razione tra Cul­Tur­Me­dia Lega­coop (l’associazione delle coop­er­a­tive impeg­nate in ambito cul­tur­ale, tur­is­ti­co e cre­ati­vo), Lega­coop Lazio e il Cen­tro di Eccel­len­za del Dis­tret­to Tec­no­logi­co per i beni e le attiv­ità Cul­tur­ali del Lazio (DTC-Lazio). Quest’ultimo è il polo di alta for­mazione, pro­mosso dal­la Regione Lazio e nato lo scor­so anno , i cui part­ner fonda­tori – le prin­ci­pali Uni­ver­sità e Cen­tri di Ricer­ca del­la Regione, pro­tag­o­nisti sul panora­ma nazionale e inter­nazionale nel­la ricer­ca e for­mazione- sono impeg­nati in attiv­ità con­giunte, strate­gie e azioni comu­ni per creare per­cor­si for­ma­tivi sulle tec­nolo­gie per i beni e le attiv­ità cul­tur­ali, in stret­to rac­cor­do con i rap­p­re­sen­tan­ti del tes­su­to impren­di­to­ri­ale pien­amente coin­volti nelle scelte e negli ind­i­rizzi.

Ai nas­tri di parten­za è infat­ti un ampio pro­gram­ma di Cor­si di Apprendi­men­to Per­ma­nente per rispon­dere a bisog­ni for­ma­tivi speci­fi­ci di impren­di­tori e imp­rese del set­tore cul­tur­ale. E la vera novità è che tutte queste neces­sità for­ma­tive sono state indi­vid­u­ate di con­cer­to con Cul­Tur­Me­dia e Lega­coop Lazio e con le coop­er­a­tive che quo­tid­i­ana­mente si occu­pano di val­oriz­zazione del pat­ri­mo­nio cul­tur­ale.

E lo stes­so mod­el­lo CAP — cor­si bre­vi e inten­sivi svilup­pati in pochi week end- è pen­sato pro­prio per aumentare l’accessibilità e la pos­si­bil­ità di fre­quen­za e quin­di di con­seguen­za innalzare la com­pet­i­tiv­ità delle coop­er­a­tive cul­tur­ali del­la regione.

L’innovazione per la coop­er­azione cul­tur­ale inizia dal­la cul­tura e dalle per­sone – dichiara Gio­van­na Barni, pres­i­dente Cul­Tur­Me­dia Lega­coop - non solo inno­vazione tec­no­log­i­ca, quin­di, ma cresci­ta di nuove pro­fes­sion­al­ità in gra­do di met­tere a val­ore un set­tore che tutela il pas­sato per guardare al futuro e che può creare nuove prospet­tive per i gio­vani coni­u­gan­do memo­ria e cre­ativ­ità, pat­ri­mo­nio ter­ri­to­ri­ale e tur­is­mo sosteni­bile. Questo impeg­no, che è un’importante sfi­da per un paese ric­co di pat­ri­mo­nio cul­tur­ale dif­fu­so non anco­ra pien­amente uti­liz­za­to, può essere assolto solo attra­ver­so una nuo­va sin­er­gia tra il mon­do del­la for­mazione e del­la ricer­ca e il mon­do delle imp­rese del set­tore, cre­an­do una vir­tu­osa fil­iera ver­ti­cale che par­ta da una pro­fon­da for­mazione uman­is­ti­ca ibri­da­ta da com­pe­ten­ze inno­v­a­tive che pos­sano far crescere l’imprenditorialità del set­tore e crearne di nuo­va. La Regione Lazio ha colto pien­amente ques­ta sfi­da met­ten­do cul­tura e inno­vazione al cen­tro delle politiche di svilup­po ma soprat­tut­to favoren­do la col­lab­o­razione tra gli attori acca­d­e­mi­ci e impren­di­to­ri­ali in for­ma sta­bile e strut­tura­ta.

Quel­lo dei beni cul­tur­ali è uno dei set­tori più impor­tan­ti del­la nos­tra econo­mia regionale- affer­ma Placido Put­zolu, Pres­i­dente Lega­coop Lazio ‑non solo per la pre­sen­za del­l’im­men­so pat­ri­mo­nio stori­co-artis­ti­co di Roma. Come movi­men­to coop­er­a­ti­vo abbi­amo l’o­bi­et­ti­vo di lavo­rare affinché questo set­tore cresca, già nel­l’im­me­di­a­to futuro, non solo dal pun­to di vista quan­ti­ta­ti­vo ma anche qual­i­ta­ti­vo.
Attra­ver­so le pos­si­bil­ità offerte dal­l’in­no­vazione tec­no­log­i­ca e dal lavoro por­ta­to avan­ti insieme al DTC Lazio, le nos­tre coop­er­a­tive potran­no rag­giun­gere liv­el­li di spe­cial­iz­zazione impens­abili solo fino a qualche anno fa. Al tem­po stes­so, sare­mo in gra­do di ridurre il gap strut­turale tra for­mazione e mon­do del lavoro, offren­do sem­pre mag­giori oppor­tu­nità lavo­ra­tive ai gio­vani e agli stes­si soci delle coop­er­a­tive.”

Scadono a breve, entro il prossi­mo 6 set­tem­bre, le iscrizioni per il pri­mo bloc­co for­ma­ti­vo che prevede focus su nuove com­pe­ten­ze quali: il web writ­ing, l’uso dei big data, il project man­age­ment per i beni cul­tur­ali, tec­nolo­gie 3d, user expe­ri­ence, re-design e acces­si­bil­ità. Vi sono anche par­ti­co­lari con­dizioni agevolate per le coop­er­a­tive ader­en­ti a Lega­coop Lazio.

Con­di­vi­di: