Comune di Roma, Assotutela: “Solidarietà ai dipendenti capitolini”

Comune di Roma, Assotutela: “Solidarietà ai dipendenti capitolini”

02/09/2019 1 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1218 volte!

Appren­di­amo con pre­oc­cu­pazione che a fine set­tem­bre cir­ca 500 dipen­den­ti del Comune di Roma potreb­bero non vedere più riconosci­u­to quan­to guadag­na­to con impeg­no e sac­ri­fi­cio in occa­sione del con­cor­so inter­no, a cui pre­sero parte nel 2009: un con­cor­so per una pro­gres­sione di car­ri­era che potrebbe sig­nifi­care qualche sol­dino in più in bus­ta paga ma anche e soprat­tut­to il riconosci­men­to di un dirit­to acquisi­to. Un dirit­to oggi a ris­chio vis­to e con­sid­er­a­to che il min­istro uscente del­la Pub­bli­ca Istruzione ha sta­bil­i­to il 30 set­tem­bre come sca­den­za ulti­ma per lo scor­ri­men­to delle grad­u­a­to­rie. Davvero una bef­fa che si aggiunge al dan­no se si con­sid­era che Rag­gi e com­pag­ni si sono chiusi in un imbaraz­zante silen­zio isti­tuzionale, con­tin­uan­do però a preferisci il ricor­so a con­sulen­ze esterne, pagate pro­fu­mata­mente dai con­tribuen­ti capi­toli­ni e che ledono l’immagine del per­son­ale inter­no. Espri­men­do sol­i­da­ri­età e vic­i­nan­za ai lavo­ra­tori comu­nali, sarebbe il caso, dunque, che la sin­da­ca pren­desse posizione sul­la del­i­ca­ta vicen­da e sbloc­casse la grad­u­a­to­ria”.

Così, in una nota, il pres­i­dente nazionale di Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to, già can­dida­to sin­da­co al Comune di Roma.

Con­di­vi­di:
error0