ROMA, ASSOTUTELA: “PURTROPPO L’UNICA FORMA D’ARTE DELLA RAGGI E’ L’INCURIA”

ROMA, ASSOTUTELA: “PURTROPPO L’UNICA FORMA D’ARTE DELLA RAGGI E’ L’INCURIA

26/08/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 825 volte!

Oggi la sin­da­ca Rag­gi, annun­cian­do l’avviso pub­bli­co di “Con­tem­po­ranea­mente Roma”, ha sot­to­lin­eato che l’autunno capi­toli­no sarà ded­i­ca­to all’offerta cul­tur­ale e alla pro­duzione con­tem­po­ranea. Davvero un inten­to nobile che, come al soli­to, temi­amo sia des­ti­na­to a rimanere nel cas­set­to dei sog­ni e delle promesse non man­tenute. Spe­ri­amo davvero di sbagliar­ci. Tut­tavia vogliamo riv­ol­gere i nos­tri “com­pli­men­ti” alla pri­ma cit­ta­dine per­ché una for­ma di arte a Roma l’ha pro­mossa e con risul­tati “notevoli”: quel­la dell’incuria e dell’abbandono in cui ver­sa la Cap­i­tale d’Italia, tra immon­dizia, deco­ro urbano ai min­i­mi e ani­mali affamati. Davvero un quadro pre­oc­cu­pante, purtrop­po non dip­in­to ma quan­to mai reale”.

Così, in una nota, il pres­i­dente nazionale di Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to, già can­dida­to sin­da­co al Comune di Roma.