AMA, ASSOTUTELA: “MEZZI A PEZZI. ESPOSTO IN PROCURA E CORTE CONTI”

AMA, ASSOTUTELA: “MEZZI A PEZZI. ESPOSTO IN PROCURA E CORTE CONTI

18/07/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 740 volte!

Con­tin­ua la nos­tra cam­pagna a tutela dei cit­ta­di­ni romani per un sis­tema di rac­col­ta rifiu­ti con­cre­to ed effi­ciente. Dopo la class action per la riduzione Tari e la denun­cia per l’emergenza ambi­en­tale sul tema rifiu­ti, abbi­amo deciso di depositare un espos­to alla Procu­ra del­la Repub­bli­ca e alla Corte dei Con­ti sul­la con­dizione pre­caria e inef­fi­ciente dei mezzi Ama. Dal­la stam­pa appren­di­amo di un dossier inter­no che svel­erebbe alcune pre­oc­cu­pan­ti crit­ic­ità, legate alla ges­tione oper­a­ti­va del­la munic­i­pal­iz­za­ta dei rifiu­ti di Roma: dal­la per­centuale di assen­teis­mo all’elevatissimo numero dei recla­mi cit­ta­di­ni, per non par­lare del fat­to che ben 4 camion Ama su dieci sareb­bero fer­mi. Numero impi­etosi che la dicono lun­ga sul­lo sta­to comatoso di Ama e sul­la inef­fi­cien­za ammin­is­tra­ti­va del Comune di Roma, per­al­tro anco­ra sen­za asses­sore all’Ambiente”.

Così, in una nota, il pres­i­dente dell’associazione Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to.