RIFIUTI, “SERVIZIO ASSENTE MA CITTADINI PAGANO TARI. ESPOSTO IN PROCURA”

RIFIUTI, “SERVIZIO ASSENTE MA CITTADINI PAGANO TARI. ESPOSTO IN PROCURA

01/07/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 426 volte!

In questi giorni vedi­amo una cit­tà asse­di­a­ta dai rifiu­ti, con­quis­ta­ta dagli ani­mali e cop­er­ta di incu­ria e degra­do. Eppure i cit­ta­di­ni romani con­tin­u­ano a pagare una tas­sa sull’immondizia per avere in cam­bio un servizio di igiene ambi­en­tale insuf­fi­ciente e inadegua­to. Allo sta­to attuale, ques­ta asso­ci­azione dunque rep­u­ta ille­git­ti­mo pagare la Tari per un servizio pub­bli­co assente: non vor­rem­mo che ci fos­sero i pre­sup­posti per una appro­pri­azione indeb­i­ta da parte dell’amministrazione comu­nale che pre­tende un canone che andrebbe ono­ra­to a cor­re­spon­sione di una prestazione. Per ques­ta regione pre­sen­ter­e­mo nelle prossime ore un espos­to alla Procu­ra del­la Repub­bli­ca di Roma. Non vor­rem­mo infat­ti che anco­ra una vol­ta ad essere rag­gi­rati fos­sero i già bis­trat­ti romani”.
Così, in una nota, il pres­i­dente del­la asso­ci­azione Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to, ex can­dida­to sin­da­co al Comune di Roma.