Pantelleria, Parisi: il Pd conosce i problemi solo quando sta all’opposizione

Pantelleria, Parisi: il Pd conosce i problemi solo quando sta all’opposizione

14/06/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 370 volte!

Ieri, il Partito Democratico di Pantelleria ha lanciato un appello all’Amministrazione comunale perché ripulisse dalle erbacce le discese a mare.

Il Comunicato ha subito alimentato le polemiche cittadine, con diversi panteschi che si sono uniti alla richiesta.

Puntuale è arrivata la risposta dell’Assessore Angelo Parisi, delegato al decoro urbano, che spiega la situazione e ribadisce l’importanza dei Patti di Collaborazione.

Il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co non si smen­tisce mai, nem­meno a Pan­tel­le­ria. Riesce a vedere di tut­to, quan­do sta all’opposizione, e a tenere gli occhi chiusi quan­do ammin­is­tra.

Non si spie­ga altri­men­ti la ragione per cui il 13 giug­no 2019, i com­po­nen­ti del cir­co­lo del PD di Pan­tel­le­ria si sono accor­ti che bisogna anco­ra tagliare l’erba in alcune zone dell’isola. Diver­sa­mente da quan­do ammin­is­tra­vano, quan­do si arriva­va tran­quil­la­mente ad agos­to con l’erba alta, come nar­ra­no le cronache locali.

In tut­to ciò, nat­u­ral­mente, dimen­ti­cano l’eccezionale sta­gione piovosa che non ha cer­to facil­i­ta­to le oper­azioni di dis­er­bo e, anzi, le ha com­pli­cate favoren­do la cresci­ta dell’erba come non si vede­va da anni.

Non a caso quest’anno sono state già fir­mate due deter­mine per il dis­er­bo stra­or­di­nario. Deter­mine che, nat­u­ral­mente, nes­suno di loro ha vis­to.

Qual­cuno potrebbe dire che è com­pi­to di AGESP dis­er­bare le strade. Ma purtrop­po il con­trat­to in essere, non sot­to­scrit­to da ques­ta ammin­is­trazione, prevede il dis­er­bo di appe­na 10 km di strade comu­nali. Non 100 km, come si legge da qualche parte, per­ché si trat­ta degli stes­si 10 km dis­er­bati 10 volte l’anno.

Si potrebbe anche pen­sare di dis­er­bare tutte le strade dell’isola. Servirebbe un ban­do di gara e non meno di 500 mila di euro l’anno, come ricor­da ogni vol­ta il mio col­le­ga Gut­terez.

È questo il moti­vo per cui la soluzione pro­pos­ta da ques­ta ammin­is­trazione è quel­la di chiedere l’aiuto dei pan­teschi di buona volon­tà che, una vol­ta approva­to il rego­la­men­to sui Pat­ti di Col­lab­o­razione, potran­no essere “pre­miati” nel caso in cui decidessero di dedi­care un po’ del loro tem­po alla cura e deco­ro del pos­to in cui vivono.

E nat­u­ral­mente non ho alcun dub­bio sul fat­to che, dopo l’approvazione del rego­la­men­to, gli espo­nen­ti del PD locale saran­no i pri­mi ad atti­var­si. Anche per­ché ormai conoscono ogni ango­lo in cui si deve inter­venire.

Ange­lo Parisi

Asses­sore Deco­ro Urbano – Rifiu­ti – Servizi manu­ten­tivi 

Con­di­vi­di:
error0