Pantelleria firma l’atto costitutivo del Bio Distretto “Terre degli Elimi”

Pantelleria firma l’atto costitutivo del Bio Distretto “Terre degli Elimi”

13/06/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 686 volte!

Lo scor­so 11 giug­no ’19 pres­so l’aula con­sil­iare del Comune di Pet­rosi­no è sta­to firmato l’atto cos­ti­tu­ti­vo del ”Biodis­tret­to Terre degli Eli­mi”. Capofi­la dell’iniziativa è l’amministrazione comu­nale di Pet­rosi­no.

Il Biodis­tret­to nasce dall’idea di fare “rete” per una nuo­va agri­coltura e si for­ma nel giug­no del 2016 con la sot­to­scrizione del­lo Statu­to fir­ma­to anche dal Comune di Pan­tel­le­ria con­giun­ta­mente ad altri 18 comu­ni su 24 del­la provin­cia tra­panese.

La scelta del nome e del logo avvenne in base a un ban­do pub­bli­co. Dopo la sot­to­scrizione dell’atto cos­ti­tu­ti­vo è sta­to elet­to il nuo­vo con­siglio diret­ti­vo com­pos­to da 9 aziende e 6 comu­ni, men­tre l’assemblea è cos­ti­tui­ta da cir­ca 20 aziende e 13 comu­ni (Pet­rosi­no, Pace­co, Alcamo, Valderice, Sale­mi, Pan­tel­le­ria, Cam­po­bel­lo di Mazara, Castel­lam­mare del Gol­fo, Buse­to Pal­iz­zo­lo, Calatafi­mi-Seges­ta, Castel­ve­tra­no, Sala­paru­ta e Par­tan­na).

Adesso si potrà dare piena oper­a­tiv­ità al Bio Dis­tret­to, perseguen­do i prin­cipi dell’agricoltura sosteni­bile, dec­li­nan­do e perseguen­do moltepli­ci obi­et­tivi, quali: il red­di­to equo per l’agricoltura; la tutela del­la salute dell’operatore agri­co­lo e del con­suma­tore; la con­ser­vazione e tutela del­la fer­til­ità del suo­lo alla tutela delle risorse ambi­en­tali al rispet­to del­la bio­di­ver­sità.
Alla fir­ma dell’atto cos­ti­tu­ti­vo pre­sente anche l’On. Valenti­na Palmeri del M5S che si è dichiara­ta sod­dis­fat­ta, dichiaran­do che “Il biodis­tret­to è il vei­co­lo per sod­dis­fare sia le esi­gen­ze dei pro­dut­tori, con la ricer­ca di mer­cati locali, con l’attivazione di servizi inte­grati ter­ri­to­ri­ali, con il riconosci­men­to del ruo­lo del Bio-agri­coltore, sia quelle dei con­suma­tori, con la sicurez­za ali­menta­re, la conoscen­za dei luoghi di pro­duzione del cibo e la ricer­ca di prezzi equi con il coin­vol­gi­men­to del­la isti­tuzioni pub­bliche. Il biodis­tret­to diven­ta l’applicazione prat­i­ca di quel­la econo­mia cir­co­lare che val­oriz­za e mette in rete i for­n­i­tori dei servizi agri­coli (prodot­ti, fruizione del ter­ri­to­rio, ecc.) ed i con­suma­tori, con­tribuen­do ad un nuo­vo benessere sociale ed eco­nom­i­co delle nos­tre comunità.Nel Bio-dis­tret­to, la val­oriz­zazione dei prodot­ti bio­logi­ci si coni­u­ga indis­sol­u­bil­mente con la pro­mozione del ter­ri­to­rio e delle sue pecu­liar­ità, per rag­giun­gere un pieno svilup­po delle poten­zial­ità eco­nomiche, sociali e cul­tur­ali.
Il Sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po ha dichiara­to che: “Pan­tel­le­ria per la sosteni­bil­ità, la con­ser­vazione del ter­ri­to­rio e la val­oriz­zazione dei prodot­ti agro-ali­men­ta­ri deve puntare alla pro­duzione di prodot­ti bio­logi­ci. Ciò porterà ad una mag­giore acces­si­bil­ità ai prodot­ti bio­logi­ci ai con­suma­tori e ad una con­ver­sione e val­oriz­zazione tur­is­ti­ca ed eco­log­i­ca del ter­ri­to­rio a vocazione rurale dell’isola.”

Link:
http://biodistretto.net/terre-degli-elimi-sicilia/

Con­di­vi­di:
error0