LAZIO, ARES 118: D’AMATO, ‘AL VIA REINTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO EMERGENZA’

LAZIO, ARES 118: D’AMATO, ‘AL VIA REINTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO EMERGENZA

12/06/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 428 volte!

ARES 118: D’AMATO, ‘AL VIA REINTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO EMERGENZA

ACCORDO CON SINDACATI, PERCORSO GRADUALE DA CONCLUDERSI IN 36 MESI

La Regione Lazio ha avvi­a­to un per­cor­so che porterà alla rein­ter­nal­iz­zazione del servizio di emer­gen­za san­i­taria ter­ri­to­ri­ale anche nel­la parte che attual­mente è affi­da­ta ester­na­mente attra­ver­so gara pub­bli­ca. E’ il risul­ta­to dell’accordo rag­giun­to tra l’Amministrazione regionale, l’Ares 118 e CGIL-CISL-UIL FP. Nell’intesa le par­ti con­cor­dano su un per­cor­so grad­uale di rein­ter­nal­iz­zazione dei mezzi e del per­son­ale con ambiti ter­ri­to­ri­ali dif­feren­ziati, da con­clud­ere nell’arco di 36 mesi, che si avvii inizian­do dalle postazioni di Roma cap­i­tale, per poi esten­der­lo suc­ces­si­va­mente alla provin­cia romana e alle quat­tro province del Lazio.

Sti­amo par­lan­do di un accor­do molto impor­tante che va nel­la direzione gius­ta di poten­zi­a­men­to del servizio e al tem­po stes­so dan­do ai lavo­ra­tori le nec­es­sarie garanzie di sta­bil­ità nel servizio” ha com­men­ta­to l’Assessore alla San­ità e l’Integrazione Sociosan­i­taria del­la Regione Lazio, Alessio D’Amato.

La direzione gen­erale dell’Ares 118 si è impeg­na­ta a pre­sentare un piano di fat­tibil­ità con la pre­vi­sione dei mezzi e delle risorse umane nec­es­sarie e i rel­a­tivi costi con la con­tes­tuale rimod­u­lazione, in pro­porzionale dimin­uzione, dell’acquisizione di servizi esterni da pri­vati.

I rap­p­re­sen­tan­ti sin­da­cali, con­div­i­den­do le linee di azione intrap­rese, han­no chiesto che il reclu­ta­men­to di nuo­vo per­son­ale per i mezzi rein­ter­nal­iz­za­ti deb­ba essere ad incre­men­to del­la spe­sa del cor­rispon­dente cos­to già sostenu­to dall’azienda e che nell’espletamento delle pro­ce­dure con­cor­su­ali ven­ga con­sid­er­a­to il cur­ricu­lum pro­fes­sion­ale acquisi­to dai parte­ci­pan­ti anche in appli­cazione del­la L.R. 4/2017.