Albano Laziale, centrosinistra: “Su Miramare terrorismo psicologico e bugie dei soliti noti”

Albano Laziale, centrosinistra: “Su Miramare terrorismo psicologico e bugie dei soliti noti”

07/06/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1399 volte!

Siamo rimasti molto per­p­lessi nel leg­gere, sui social e su man­i­festi aff­is­si, di “assalti” al quartiere Mira­mare. Non rite­nen­do plau­si­bile si trat­ti di alieni, è prob­a­bile che siamo di fronte alle abit­u­ali bugie dif­fuse da sogget­ti noti che nel 2015 si sono can­di­dati con­tro la coal­izione vin­cente, sen­za essere elet­ti, e che  vogliono esclu­si­va­mente scred­itare l’operato dell’Amministrazione Comu­nale. Un film già vis­to quat­tro anni fa e che si ripete, ovvi­a­mente, ad un anno dalle elezioni comu­nali del 2020.

Con l’affiancamento di alcu­ni par­ti­ti politi­ci, si sta facen­do una cap­il­lare azione di ter­ror­is­mo psi­co­logi­co sui res­i­den­ti del quartiere, anche in vista dell’assemblea con­vo­ca­ta nel­la mat­ti­na­ta di saba­to 8 giugno.

In ques­ta dis­cutibile azione ten­den­ziosa si con­fonde, in maniera stru­men­tale, un’isola eco­log­i­ca con una “dis­car­i­ca” e si annun­ciano infon­date attiv­ità di lot­tiz­zazione che non trovano alcun tipo di fon­da­men­to negli atti ammin­is­tra­tivi. Dal 2010, anno di inse­di­a­men­to dell’attuale Ammin­is­trazione, ad oggi non c’è sta­to alcun ril­e­vante incre­men­to demografi­co se non quel­lo fisi­o­logi­co, pro­prio alla luce del­la rig­orosa volon­tà dell’Amministrazione Comu­nale di arginare qual­si­asi tipo di spec­u­lazione edilizia sul territorio.

Una pre­sa di posizione in net­ta con­trap­po­sizione con il passato:

popo­lazione res­i­dente  2001  33.822 abi­tan­ti / 2010  40.516 abi­tan­ti          + 6.694 = + 20% (Dati ISTAT)

popo­lazione res­i­dente  2011  40.906 abi­tan­ti / 2017 41.314 abi­tan­ti         +     408 = +  1% (Dati ISTAT)

Non pos­si­amo nep­pure accettare le critiche legate alla Tan­gen­ziale dei Castel­li, dal momen­to che a far­le sono per­sone che han­no parte­ci­pa­to a molte riu­nioni (l’ultima il 31 otto­bre 2018 ore 15.30) e che conoscono per­fet­ta­mente la situ­azione, le com­pe­ten­ze e tutte le azioni che l’Amministrazione ha por­ta­to avan­ti nei con­fron­ti dell’ente gestore del­la stra­da ASTRAL, del­la Regione Lazio e del­la Prefet­tura per la richi­es­ta di instal­lazione di autovelox all’interno delle gal­lerie, per aumentare la sicurez­za e ridurre le emis­sioni sonore. È dif­fi­cile avere un con­fron­to costrut­ti­vo, è dif­fi­cile por­si con pari dig­nità con chi ha la pre­sun­zione di affer­mare solo la sua visione di soci­età, chi uti­liz­za la men­zogna come strate­gia comu­nica­ti­va e la dele­git­ti­mazione come modus operan­di”. Così in una nota la coal­izione di centrosinistra.