Pantelleria, Ludovica Franco: un’eccellenza dell’isola

Pantelleria, Ludovica Franco: un’eccellenza dell’isola

25/05/2019 0 Di Francesca Marrucci

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 864 volte!

Ludovica Franco, giovane pianista di talento di Pantelleria, dopo i premi vinti e i concerti in tutta Italia, si prepara a tornare a suonare a Pantelleria.

di Francesca Mar­ruc­ci

È nata una stel­la! È nata 18 anni fa a Pan­tel­le­ria ed è una pan­tesca Doc, Ludovi­ca Fran­co e si sta facen­do conoscere per il suo inna­to tal­en­to per la musi­ca, la sua pri­ma pas­sione, che esprime attra­ver­so i tasti bianchi e neri di un pianoforte. 
Sì, per­ché è il pianoforte il vero amore di ques­ta ragaz­za che non pas­sa giorno sen­za dedi­care alla musi­ca almeno un’o­ra e questo men­tre stu­dia al Liceo, va al Con­ser­va­to­rio di Paler­mo ogni due set­ti­mane e vive la sua vita da ado­les­cente.

Tan­ta dedi­zione, però, è ben rip­a­ga­ta dai riconosci­men­ti che arrivano ormai da tut­ta Italia, con pre­mi, parte­ci­pazioni ad even­ti esclu­sivi e rap­p­re­sen­ta­tivi, con­cer­ti in loca­tion d’ec­cezione. L’ul­ti­ma, in ordine di tem­po, di pochi giorni fa, è la parte­ci­pazione a Milano alla man­i­fes­tazione PianoC­i­ty. Ludovi­ca in quest’oc­ca­sione, ha suona­to un pro­gram­ma di ben 50 minu­ti pres­so una loca­tion d’ec­cezione: il Museo di Scien­ze Nat­u­rali, riscuo­ten­do applausi e con­sen­si. Nel pro­gram­ma Ludovi­ca ha ese­gui­to: L. v. Beethoven, Sonata op. 13; F. Mendelssohn, Fan­ta­sia op. 28; F. Chopin, Rondò  op. 1; S. Rach­mani­nov, Momen­to musi­cale op.16 n. 1.

Ma Ludovi­ca è anche vincitrice del Pri­mo Pre­mio Amigdala a Cata­nia e tra i pri­mi tre clas­si­fi­cati, pri­ma per il pianoforte, al Pre­mio Abba­do. Ha inizia­to a 5 anni a suonare, un vero tal­en­to nat­u­rale, qua­si scon­ta­to si direbbe vis­to che la mam­ma, Letizia Stup­pa, non a caso rap­p­re­sen­ta il ‘cuore’ del­la musi­ca a Pan­tel­le­ria, inseg­nante e musicista lei stes­sa.

La for­mazione di Ludovi­ca è sta­ta sia clas­si­ca che mod­er­na, ma la musi­ca clas­si­ca è quel­la che la rap­p­re­sen­ta forse meglio e quel­la che da due anni ormai la sta por­tan­do in giro per lo sti­vale a tenere con­cer­ti, il più emozio­nante dei quali è sta­to quel­lo alla Sala 1 del Teatro Mas­si­mo nel 2017. ‘Ono­rare e servire la musi­ca’, ques­ta la vocazione del­la gio­vane stel­la pan­tesca, che per questo prin­ci­pio, spes­so deve sac­ri­fi­care qualche appun­ta­men­to o impeg­no tipi­co dei gio­vani del­la sua età. Non è un prob­le­ma però, per­ché la musi­ca è quel­lo che Ludovi­ca ha sem­pre volu­to fare più di ogni altra cosa.

Letizia Stup­pa, la mam­ma è ovvi­a­mente orgogliosa del­la figlia e ai nos­tri micro­foni ha con­fes­sato: “Io ho sem­pre vis­su­to con la musi­ca e avere una figlia che con­di­vide ques­ta pas­sione è una grande sod­dis­fazione. La sosten­go in tut­ti i modi in questo cam­mi­no, anche aiu­tan­dola a val­utare le offerte e le pos­si­bil­ità che le si pro­pon­gono mano a mano.

Ora le prossime tappe per Ludovi­ca com­pren­dono il sag­gio finale in Con­ser­va­to­rio, un con­cer­to da ten­er­si a giug­no a Cam­po­re­ale ed un con­cor­so a fine luglio.

Ma soprat­tut­to, per tut­ti i suoi ami­ci e fan pan­teschi che fino­ra han­no segui­to la sua emozio­nante car­ri­era, ci sarà una sor­pre­sa a fine agos­to con un con­cer­to a Pan­tel­le­ria di cui vi dare­mo presto notizie.

Con­di­vi­di:
error0