Ronin ad ARF 2019, tra i big del fumetto!

Ronin ad ARF 2019, tra i big del fumetto!

23/05/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 261 volte!

Per il quar­to anno con­sec­u­ti­vo (con­tan­do anche le espe­rien­ze sot­to la bandiera di Mokapop) gli artisti del col­let­ti­vo Ronin saran­no pre­sen­ti con un pro­prio stand all’ARFestival di Roma. Tra le novità in cat­a­l­o­go, alcu­ni volu­mi in antepri­ma asso­lu­ta, stam­pati pro­prio in occa­sione dell’ARF:

  • il sec­on­do numero di Katana/Wunderkammer, flip­book anto­logi­co di qua­si 100 pagine che com­prende i migliori fumet­ti real­iz­za­ti dal col­let­ti­vo nel cor­so dell’ultimo anno; le cov­er delle due fac­ciate sono state real­iz­zate da Nico­la Perug­i­ni e da Emanuel Der­na (quest’ultima con col­ori di Fau­reiana).
  • La stam­pa in uni­co vol­umet­to di “Sot­to rete”, fumet­to sul­la pallavo­lo real­iz­za­to a più mani e pub­bli­ca­to orig­i­nar­i­a­mente nel 2018 a pun­tate su una delle più impor­tan­ti riv­iste di set­tore.
  • Diver­si prog­et­ti indi­vid­u­ali, tra cui “Lucil­la” vol.1 e “Sot­to la cenere” vol.2 (entram­bi di Gabriele Moret­ti) e il “Libel­lus primus” del fumet­to Vir­tus di Ric­car­do Scia­r­ra e Francesca Dea.

Appun­ta­men­to quin­di dal 24 al 26 mag­gio 2019 al Mat­ta­toio Tes­tac­cio, padiglione 9B, stand B10. Nat­u­ral­mente a Roma, in Piaz­za Orazio Gius­tini­ani.

 “Siamo davvero feli­ci di essere nuo­va­mente all’ARF – spie­gano Pietro Rotel­li, fonda­tore di Ronin, e Lui­gi Chial­vo, coor­di­na­tore di redazione del Ronin Mag­a­zine – fes­ti­val che per tipolo­gia di man­i­fes­tazione e di pub­bli­co sen­ti­amo un po’ casa nos­tra: il nos­tro grup­po ha attra­ver­sato nel tem­po diver­si cam­bi­a­men­ti, ma in ogni caso siamo sem­pre sta­ti qui e siamo arrivati al quar­to anno di fila. Ci teni­amo quin­di a ringraziare tut­ta l’organizzazione che, edi­zione dopo edi­zione, nonos­tante le dif­fi­coltà, con­tin­ua a lavo­rare con grande entu­si­as­mo per regalare ques­ta splen­di­da occa­sione agli aman­ti del fumet­to”