BRACCIANO, CANTARINI(FIADEL): “DA COMUNE SILENZI SU SCUOLABUS. ESPOSTO CORTE DEI CONTI”

BRACCIANO, CANTARINI(FIADEL): “DA COMUNE SILENZI SU SCUOLABUS. ESPOSTO CORTE DEI CONTI

15/05/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 239 volte!

E’ pas­sato esat­ta­mente un mese dalle nos­tre denunce medi­atiche sulle pre­sunte crit­ic­ità in mer­i­to al servizio di scuo­labus del Comune di Brac­ciano ma dall’amministrazione comu­nale anco­ra silen­zi isti­tuzion­ali e man­cate risposte. Ricor­diamo che l’appalto ha la dura­ta di tre anni. Sec­on­do l’accordo, fir­ma­to tra Comune e dit­ta vincitrice, quest’ultima deve garan­tire sem­pre il servizio provve­den­do a sos­ti­tuire i mezzi di trasporto pro­pri o del Comune, nonché il per­son­ale ogni­qual­vol­ta risul­ti nec­es­sario al cor­ret­to esple­ta­men­to dell’attività. Al sin­da­co, sul tema dunque, ave­va­mo riv­olto que­si­ti pre­cisi e mirati con l’unico e fon­da­men­tale obi­et­ti­vo di fare chiarez­za su una ques­tione che pre­oc­cu­pa famiglie e cit­ta­di­ni. Queste le nos­tre domande: è vero che la dit­ta sarebbe obbli­ga­ta ad orga­niz­zare il servizio con un totale di 9 scuo­labus (due di pro­pri­età comu­nale con­ces­si in comoda­to d’uso, e sette mes­si a dis­po­sizione dal­la azien­da stes­sa)? E’ vero che la dit­ta uti­lizzerebbe solo cinque bus per l’espletamento del servizio?  E’ vero che non ver­reb­bero rispet­tati gli orari pre­visti per il recu­pero dei bim­bi da portare a scuo­la? Il Comune di Brac­ciano che tipo di con­trat­to e mon­i­tor­ag­gio effet­tua sul­la dit­ta appal­ta­trice? Sono effet­ti­va­mente rispet­tati tut­ti i ter­mi­ni pre­visti dal con­trat­to e dal capi­to­la­to d’appalto? Nel caso di inef­fi­cien­ze, è inten­zione del Munici­pio appli­care le sanzioni pre­viste o pro­cedere con la revo­ca del con­trat­to d’appalto? E anco­ra: quan­to incas­sa effet­ti­va­mente il Comune di Brac­ciano dal servizio di trasporto sco­las­ti­co, a fronte di un con­trat­to di appal­to che supera il mil­ione di euro? Il tem­po dei silen­zi è fini­to, il sin­da­co deve fare imme­di­a­ta chiarez­za sul­la vicen­da, altri­men­ti sarà nos­tra pre­mu­ra pre­sentare un espos­to alla Corte dei Con­ti”. Così, in una nota, il diri­gente regionale del Sin­da­ca­to Fiadel, Ste­fano Can­tari­ni.