Sicilia, siglato l’accordo per le ex-province. Soddisfazione del M5S

Sicilia, siglato l’accordo per le ex-province. Soddisfazione del M5S

10/05/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 907 volte!

EX PROVINCE SICILIA, M5S: GRAZIE A NOSTRO IMPEGNO SIGLATO ACCORDO PER SCONGIURARE COLLASSO SERVIZI 

“Gra­zie al costante impeg­no dei par­la­men­tari nazion­ali e region­ali del Movi­men­to 5 Stelle è sta­to final­mente defini­to l’accordo del Gov­er­no con la Regione per sal­vare le ex Province. A breve saran­no nelle con­dizioni di erog­a­re i servizi, sbloc­care gli inves­ti­men­ti e assi­cu­rare il paga­men­to degli stipen­di, ponen­do fine all’attuale situ­azione di emer­gen­za. Obi­et­ti­vo per il quale abbi­amo lavo­ra­to sen­za sos­ta dall’insediamento del Gov­er­no. Le ex province sicil­iane era­no in una situ­azione dis­as­trosa, abbi­amo mes­so una top­pa agli errori evi­den­ti di chi ci ha pre­ce­du­to”.  Lo affer­mano i dep­u­tati e sen­a­tori sicil­iani del MoVi­men­to 5 Stelle.
“In questi mesi abbi­amo chiesto e ottenu­to una revi­sione degli accor­di cape­stro siglati da Cro­cetta coi gov­erni nazion­ali del PD, arrivan­do a dicem­bre alla fir­ma dei nuovi accor­di che già han­no dato una grossa boc­ca­ta d’ossigeno alle  casse region­ali e impeg­na­to Sta­to e Regione a dei tavoli tec­ni­ci su argo­men­ti che riguardano l’autonomia finanziaria del­la nos­tra iso­la, come le modal­ità di attribuzione dell’IVA, l’individuazione in via defin­i­ti­va delle modal­ità di attribuzione del get­ti­to rel­a­ti­vo all’imposta di bol­lo, oltre a val­utare forme di fis­cal­ità di svilup­po”, ricor­dano dep­u­tati e sen­a­tori 5 stelle. 
“A tes­ti­mo­ni­are il nos­tro costante impeg­no anche gli ordi­ni del giorno fat­ti approvare in legge di bilan­cio, rel­a­tivi all’istituzione di un tavo­lo per­ma­nente tra Min­is­tero e Regione per mon­i­torare questo nuo­vo cor­so e l’impegno a garan­tire la sosteni­bil­ità eco­nom­i­ca per le ex province sicil­iane”, aggiun­gono. “L’accordo appe­na sanci­to con la Regione Sicil­iana prevede l’utilizzo di 150 mil­ioni di euro, 140 dei quali prove­ni­en­ti dal fon­do di Svilup­po e Coe­sione, per rip­i­anare i dis­as­trosi bilan­ci delle ex province sicil­iane, evi­tan­done il disses­to e garan­ten­do, al tem­po stes­so, lo sbloc­co dei finanzi­a­men­ti già stanziati per l’avvio delle opere pub­bliche che i cit­ta­di­ni aspet­tano da tem­po”. 
“Gra­zie al Min­istro per il Sud, Bar­bara Lezzi, è sta­to pos­si­bile des­tinare i 140 mil­ioni del Fon­do Svilup­po Coe­sione per spese cor­ren­ti, sol­di che altri­men­ti la Regione avrebbe per­so – ripren­dono i par­la­men­tari –. Non sono somme sot­trat­te agli inves­ti­men­ti, come provano a rac­con­tare alcu­ni espo­nen­ti dell’opposizione, ma anzi abbi­amo ottenu­to che i sol­di rimangano nel­la disponi­bil­ità del­la Regione che così può uscire dal­la con­dizione di emer­gen­za, rimet­ten­do le ex Province nelle con­dizioni di erog­a­re i servizi, sbloc­care gli inves­ti­men­ti e assi­cu­rare il paga­men­to degli stipen­di”.
“Oltre a questo, nel Decre­to Sbloc­ca-Cantieri inserire­mo un altro emen­da­men­to che prevede alcune deroghe nor­ma­tive all’approvazione dei bilan­ci e dei ren­di­con­ti, final­iz­za­to allo sbloc­co dei finanzi­a­men­ti già stanziati per l’avvio delle opere pub­bliche. Ma non è fini­ta qui. C’è l’impegno a inter­venire in legge di bilan­cio 2020, adeguan­do al resto d’Italia il mec­ca­n­is­mo del pre­lie­vo for­zoso, in modo che le ex province sicil­iane abbiano fon­di adeguati per ristrut­turare le nos­tre scuole e pren­der­si cura delle strade. Queste sono risposte con­crete a istanze reali dei ter­ri­tori. Cen­trode­stra e cen­trosin­is­tra han­no fat­to orec­chie da mer­can­ti. Per noi, invece, par­lano i fat­ti e non le promesse sven­to­late in cam­pagna elet­torale. Ci erava­mo impeg­nati con i cit­ta­di­ni sicil­iani, abbi­amo lavo­ra­to alacre­mente con il gov­er­no e ora pos­si­amo dire di aver cen­tra­to un obi­et­ti­vo che porterà impor­tan­ti ben­efi­ci ai sicil­iani”.
Con­di­vi­di: