ROMA, ASSOTUTELA: “BUS ISRAELIANI SCANDALO GRAZIE A RAGGI”

ROMA, ASSOTUTELA: “BUS ISRAELIANI SCANDALO GRAZIE A RAGGI

10/05/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 506 volte!

Inef­fi­cien­za ammin­is­tra­ti­va del­la sin­da­ca Vir­ginia Rag­gi nel trasporto pub­bli­co capi­toli­no? Come vol­evasi dimostrare. Appren­di­amo che la corte dei con­ti starebbe inda­gan­do sui 70 bus pre­si a noleg­gio da Atac dopo 10 anni di servizio a Tel Aviv, anco­ra bloc­cati nei deposi­ti di Saler­no e Roma, per­ché non imma­tri­co­la­bili. Si trat­ta di una realtà inqui­etante e pre­oc­cu­pante che Asso­tutela ave­va denun­ci­a­to e sul­la quale adesso i giu­di­ci con­tabili ipo­tizzereb­bero spre­co di denaro pub­bli­co. A pre­scindere da questo aspet­to su cui non spet­ta a noi sen­ten­ziare, quel­lo che è palese è la totale incom­pe­ten­za politi­co-isti­tuzionale del­la sin­da­ca Rag­gi e del Campi­doglio grilli­no nel del­i­ca­to set­tore del­la mobil­ità pub­bli­ca di Roma, per­al­tro già pre­caria e da ter­zo mon­do. Dai pen­tastel­lati atten­di­amo chiari­men­ti urgen­ti, sono i cit­ta­di­ni romani che lo pre­tendono”.

Così, in una nota, il pres­i­dente nazionale dell’associazione Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to, già can­dida­to sin­da­co di Roma.