Il Negroamaro e i suoi fratelli sbarcano a Roma con “Mieru”

Il Negroamaro e i suoi fratelli sbarcano a Roma con “Mieru”

09/05/2019 0 Di Fabio Ciarla

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 736 volte!

Ven­erdì 17 mag­gio, con­tro qual­si­asi scara­manzia, l’associazione GnamGlam insieme ai som­me­li­er del­la Fis­ar Roma e Castel­li Romani e a DeGus­to Salen­to orga­niz­zano una gior­na­ta di stu­dio e degus­tazione ded­i­ca­ta ai vini del Salen­to. Un focus speci­fi­co sul Negroa­maro nelle sue varie espres­sioni, ma atten­zione e spazio anche per gli altri vit­ig­ni dell’area a sud del­la Puglia.

L’evento “Mieru. Il Negroa­maro e gli altri. Vini del Salen­to a Roma” si svol­gerà nelle sale dell’Hotel Savoy a Roma, in via Ludovisi 15 (una tra­ver­sa di via Vene­to) con una pri­ma aper­tu­ra per gior­nal­isti e oper­a­tori accred­i­tati, dalle 15, e poi accoglien­za per appas­sion­ati e curiosi dalle 17 con ben tre mas­ter­class: “Negroa­maro 100 per cen­to. Conos­ci­amo il vit­ig­no in purez­za” (ore 16–17), “Le rose del Negroa­maro. Alla scop­er­ta dei rosati del Salen­to” (ore 18–19) e “Il Negroa­maro incon­tra. Tan­ti blend, tan­ti volti” (ore 20–21).

Saran­no 18 le can­tine pre­sen­ti per un totale di più di 50 etichette chia­mate a inter­pretare il “Mieru” che in dialet­to salenti­no sig­nifi­ca vino, come spie­ga Ilar­ia Dona­tio, respon­s­abile dell’associazione GnamGlam che pro­muove l’evento. “Questo per­ché in epoca romana – con­tin­ua la Dona­tio – esiste­vano due espres­sioni per indi­care il vino. Il ‘vinum’ era quel­lo mis­ce­la­to con acqua, miele, resine ed altri addit­tivi per ren­der­lo più scirop­poso. Con la paro­la ‘merum’, invece, si indi­ca­va il vino schi­et­to, sin­cero, puro: questo era, di fat­to, quel­lo più buono e pre­gia­to. E il Salen­to può a buon dirit­to con­sid­er­ar­si patria del vino di qual­ità. Tale è cer­ta­mente il Negroa­maro, frut­to del vit­ig­no sim­bo­lo di ques­ta ter­ra. Pro­prio per questo moti­vo siamo davvero molto lieti di ospitare nel­la cap­i­tale le aziende pres­ti­giose che por­tano nel mon­do con orgoglio il nome del Salen­to e del Negroa­maro”.

Siamo sod­dis­fat­ti di ques­ta col­lab­o­razione — fa eco alla Dona­tio il Del­e­ga­to del­la Fis­ar Roma e Castel­li Romani Angela Maglione — anche per­ché da tem­po ormai ci affac­ciamo sul­la Cap­i­tale non solo con i cor­si di for­mazione, sem­pre più richi­esti, ma anche con degus­tazioni ed even­ti che richia­mano tan­ti appas­sion­ati”.

Le aziende parte­ci­pan­ti sono tra le più impor­tan­ti del­la zona: Apol­lo­nio — Bon­seg­na  — Cal­itro  — Can­ti­na Fiorenti­no  — Cas­tel di Salve  — Castel­lo Monaci — Clau­dio Quar­ta Vig­naio­lo — Con­ti Zec­ca  — Garo­fano vigneti e can­ti­na — Marul­li — Roma­l­do Gre­co — Rosa del Gol­fo — San­ti Dim­itri  — Tenute Rubi­no  — Torre Ospina – Val­lone — Vetrere  — Vigneti Reale. Per le preno­tazioni ai sem­i­nari si può invece con­tattare l’associazione GnamGlam o via mail o via tele­fono (gnamglam@gmail.com — 3669714107)