Pantelleria, intervista a Morgan Brignone (FdI): meno social e più realtà

Pantelleria, intervista a Morgan Brignone (FdI): meno social e più realtà

07/05/2019 0 Di puntoacapo

Hits: 527

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1045 volte!

Abbiamo intervistato il Coordinatore di Fratelli d’Italia di Pantelleria, Morgan Brignone, che ha ribadito come priorità la riqualificazione del lungomare e del paese e lancia uno slogan: meno social e più realtà.

di Francesca Marrucci

Abbi­amo incon­tra­to Mor­gan Brignone, gio­vane Coor­di­na­tore di Fratel­li d’I­talia di Pan­tel­le­ria che ad agos­to rico­prirà questo incar­i­co da un anno. Anche FdI, con il suo Cir­co­lo isolano, pun­ta il dito sui prob­le­mi che sta incon­tran­do sia il paese che l’in­ter­no del­l’iso­la e pro­pone le sue ricette per una Pan­tel­le­ria più vivibile.

Signor Brignone, lei è un Coordinatore giovane di un Circolo giovane…

Sì, e in questo anno siamo cresciu­ti e sti­amo crescen­do. Il Cir­co­lo è com­pos­to da gente con un’età media di 30 anni, per questo vivi­amo di per­sona l’im­peg­no a trovare soluzioni per una Pan­tel­le­ria migliore, per il nos­tro futuro e quel­lo di tut­ti i panteschi.

Quali sono i problemi che vi sembrano prioritari per l’isola?

Abbi­amo fat­to molte seg­nalazioni in questo anno all’am­min­is­trazione comu­nale, sul lun­go­mare e sul cen­tro abi­ta­to che va val­oriz­za­to, pro­prio per evitare che suc­cedesse quel­lo che è suc­ces­so. Ora mi chiedo come sia pos­si­bile essere arrivati a questo pun­to con la sta­gione esti­va alle porte. Anche sul­la situ­azione trasporti serve un impeg­no mag­giore da parte del­l’Am­min­is­trazione che deve pren­dere provved­i­men­ti. Pan­tel­le­ria è pic­co­la e si par­la sem­pre degli stes­si prob­le­mi, alla fine, non è dif­fi­cile oper­are per tempo.

Come opera invece FdI sull’isola?

Abbi­amo avvi­a­to vari prog­et­ti, a liv­el­lo locale e nazionale. Ad esem­pio, a giug­no abbi­amo fat­to la pro­pos­ta dei ‘Cantieri Scuo­la’, un prog­et­to con­tes­ta­to da tutte le forze politiche, ma poi approva­to. Insieme ai nos­tri Con­siglieri Comu­nali in tut­ta Italia, parte­cip­i­amo al Prog­et­to BASTA DEGRADO NEI PICCOLI CENTRI, impor­tante per luoghi come Pan­tel­le­ria, per­ché tut­ti sap­pi­amo che il Gov­er­no ha taglia­to i fon­di per i Comu­ni. La riqual­i­fi­cazione del cen­tro urbano è il bigli­et­to da visi­ta di un luo­go e serve da volano anche per il tur­is­mo e l’e­cono­mia, ovvi­a­mente. Rac­cogliamo in con­tin­u­azione le seg­nalazioni ed i sug­ger­i­men­ti dei cit­ta­di­ni, per­ché cre­di­amo in una loro parte­ci­pazione atti­va. In base a queste, pre­sen­ter­e­mo poi un prog­et­to alla comu­nità. Ser­vono i prog­et­ti seri, non Face­book. Meno social e più realtà.

Visto che ne parla, allora sarà d’accordo con il video del Consigliere Gabriele…

Guar­di, io mi sono fat­to una risa­ta su quel video. Le cose mostrate da Gabriele sono le stesse seg­nalate da noi all’Am­min­is­trazione Comu­nale in questo anno. Non serve fare le dirette, se si fan­no prog­et­ti seri, le cose si risolvono. C’è un urgente bisog­no di una riqual­i­fi­cazione mas­s­ic­cia del Lun­go­mare e del paese, l’ho det­to. I fon­di des­ti­nati ci sono.

E del Parco Nazionale cosa pensa FdI?

Ho let­to le dichiarazioni di Fed­eri­co Tremar­co e con­cor­do con lui: l’Am­min­is­trazione deve inter­loquire con il Par­co. Ad esem­pio, è inutile creare due marchi, come per la fac­cende del DECO. Nel 2018 noi erava­mo per l’an­nul­la­men­to del Par­co alle elezioni, ma oggi sap­pi­amo che è impos­si­bile, quin­di ci vuole un prog­et­to serio che lo ren­da utile. Per fare ciò è indis­pens­abile il dial­o­go tra Comune e Par­co, pro­prio per il bene del­la comu­nità pantesca.