Roma. Lazio. PCI PER I LAVORATORI. Governo fa figli e figliastri. La Regione Lazio intervenga subito!

Roma. Lazio. PCI PER I LAVORATORI. Governo fa figli e figliastri. La Regione Lazio intervenga subito!

05/05/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1558 volte!

Tiziano Ziroli, resp. PCI Lavoro del Lazio, qui tiene uno striscione


DICHIARAZIONE DEL RESPONSABILE LAVORO DEL PCI LAZIO, Tiziano Ziroli, SULLE AREE DI CRISI COMPLESSA
Tiziano Ziroli, denun­cia quan­to uffi­cial­mente sca­tur­isce dal­la mas­si­ma riu­nione di deci­sione ital­iana: la riu­nione del Gov­er­no del Paese. A ques­ta denun­cia che, come si può vedere di segui­to, non gius­ti­fi­ca la scelta fat­ta di priv­i­le­gia­re una parte del Paese e con­dan­narne un’altra. Pur sapen­do che ci sono a dis­po­sizione i denari nec­es­sari, si sceglie di atti­vare una guer­ra tra poveri, per met­tere lavo­ra­tori con­tro lavo­ra­tori! E’ una ver­gogna. Inoltre, Tiziano Ziroli, pun­ta il dito anche ver­so la Regione Lazio: il Pres­i­dente Zin­garet­ti ( che, fat­to non sec­on­dario, è pure capo del PD) deve imme­di­ata­mente atti­var­si per stron­care ques­ta dis­par­ità gov­er­na­ti­va e com­piere atti a favore dei lavo­ra­tori!
“Leggen­do il ver­bale del­l’ul­ti­mo Con­siglio dei Min­istri mi salta all’oc­chio – dichiara Ziroli- che il Min­istro Tria autor­iz­za la mobil­ità in dero­ga solo a due aree di crisi com­p­lessa. Infat­ti, viene autor­iz­za­ta la mobil­ità in dero­ga fino a fine 2019 per i lavo­ra­tori delle aree di crisi indus­tri­ale com­p­lessa di Por­to Marghera e del­la Cam­pa­nia.” La doman­da che mi sorge spon­tanea – accusa il respon­s­abile PCI del lavoro – è: per­ché? Le aree di crisi com­p­lessa sono 20 e le altre 16? Gli altri ex lavo­ra­tori non sono ritenu­ti uguali agli ex lavo­ra­tori di Por­to Marghera e del­la Cam­pa­nia?.”. “Nel­la nos­tra regione ci sono due aree di crisi com­p­lessa Frosi­none e Rieti, ora che abbi­amo chiaro che il gov­er­no ha deciso di las­cia­re i nos­tri ex lavo­ra­tori sen­za aiu­ti. – Con­tin­ua Ziroli, riv­ol­gen­dosi alla Regione Lazio — ed essendo sicuro che il Pres­i­dente Zin­garet­ti e il suo Asses­sore al lavoro Di Berardi­no siano già al cor­rente di tale deci­sione, mi chiedo: quali azioni la Regione Lazio ha inten­zione di intrapren­dere.? Rite­nen­do la deci­sione del Gov­er­no inac­cetta­bile, — con­clude Tiziano Ziroli — mi auguro viva­mente che la Giun­ta regionale si adoperi da subito per far si che i suoi dis­oc­cu­pati non vengano las­ciati allo sban­do. I dis­oc­cu­pati aspet­tano risposte imme­di­ate!!!
Con­di­vi­di: