ROMA, ASSOTUTELA: “INEFFICIENZA COMUNE METTE A RISCHIO CLIENTI E LAVORATORI ILIAD”

ROMA, ASSOTUTELA: “INEFFICIENZA COMUNE METTE A RISCHIO CLIENTI E LAVORATORI ILIAD

02/05/2019 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 909 volte!

Appren­di­amo che l’Autorità garante del­la con­cor­ren­za e del mer­ca­to avrebbe deciso di riv­ol­ger­si al Tar con­tro il Comune di Roma per la man­ca­ta adozione da parte di Roma Cap­i­tale di mis­ure volte ad adeguar­si al pro­prio parere moti­va­to sug­li osta­coli nell’installazione di impianti di tele­co­mu­ni­cazione mobile di Ili­ad. Se tut­to ciò fos­se con­fer­ma­to, sarem­mo di fronte a un fat­to allar­mante, grave, che potrebbe met­tere a ris­chio tan­ti posti di lavoro, far scap­pare l’ennesima multi­nazionale dal­la Cap­i­tale d’Italia e lim­itare la qual­ità del servizio dei cli­en­ti Ili­ad. Ci chiedi­amo: Per­ché il Comune di Roma da più di un anno starebbe rim­balzan­do le richi­este di Ili­ad? A che liv­el­lo di inef­fi­cien­za ammin­is­tra­ti­va è arriva­to il Campi­doglio? Più in gen­erale, chi si occu­pa degli inter­es­si delle pic­cole aziende romane, che cre­ano posti di lavoro e indot­to ma che la sin­da­ca preferisce snob­bare? Su tut­to questo Vir­ginia Rag­gi dovrebbe rispon­dere, altri­men­ti farebbe bene a fare le valige e dimet­ter­si”.

Così, in una nota, il pres­i­dente nazionale di Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to.